PR & Influencer

SELEZIONATI I FINALISTI DELLA XIII EDIZIONE DEL PREMIO LETTERARIO ITALO-RUSSO “RADUGA”

Verona, 29 settembre 2022 – Sono stati selezionati i venti giovani scrittori e traduttori finalisti della XIII edizione del Premio letterario italo-russo “Raduga”, organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia e dall’Istituto Letterario A.M. Gor’kij. Il premio si svolge con il sostegno di Gazprombank.

Il Premio Raduga è stato istituito nel 2010 e, nel corso di tredici anni, ha sempre messo al primo posto il rafforzamento del legame culturale tra Italia e Federazione Russa, muovendo dalla convinzione che vi sia sempre più bisogno di autori sensibili agli autentici valori umanistici, in grado di esprimere e tramandare alle generazioni future i loro sentimenti di indipendenza, libertà e responsabilità sociale. Il riconoscimento si rivolge infatti ai giovani tra i 18 e i 35 anni, con lo scopo di valorizzarne i talenti letterari.

I finalisti, cinque per ciascuna delle due categorie (Giovane narratore dell’anno e Giovane traduttore dell’anno) per entrambe le lingue, sono stati scelti tra oltre 350 candidati. Gli elaborati sono stati selezionati da una giuria italiana e una russa, composte da figure autorevoli del mondo della letteratura e dell’editoria dei due Paesi. La cerimonia di premiazione si terrà il 6 ottobre presso la Demonstration hall del GUM.

I finalisti della sezione italiana dedicata ai giovani narratori sono Gaia Barroi (con il racconto La verità su Isabella Cruson), Rachele Faggiani (con Il fiore), Noemi Eva Maria Filoni (con Genesi), Milton Larcher (con Il mio cuore sarà sempre rivolto alla mia terra), Valentino Sarracino (con Project Seraph); mentre i giovani traduttori sono Luca Cortesi, Benedetta Lazzaro, Romano Marra, Armando Spigno e Maria Chiara Truttero.

La giuria nazionale italiana è composta dal presidente Carlo Feltrinelli (Presidente del Gruppo Feltrinelli e della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli), da Biagio Goldstein Bolocan (scrittore specializzato in editoria scolastica e romanziere), da Luca Doninelli (scrittore, accademico e drammaturgo), da Maria Pia Pagani (professoressa dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e autrice di saggi sul teatro russo) e da Giuliano Pasini (comunicatore e autore).

I cinque giovani narratori russi finalisti sono Ljubava Gornickaja (con il racconto Il terzo traguardo), Anna Lužbina (con La falena), Aleksandra Makarova (con I pettirossi di Gor’kij), Ekaterina Odincova (con L’altra bambina), Ekaterina Štejnberg (con L’isola); mentre i giovani traduttori sono Marija Ljapunova, Anton Maraev, Nikoleta Pistol, Svetlana Smaleva, Tat’jana Ulanova.

La giuria nazionale russa è composta dal presidente Boris Nikolaevič Tarasov (professore ordinario, direttore del Dipartimento di Letteratura straniera dell’Istituto Letterario A.M. Gor’kij), da Nina Sergeevna Litvinec (editrice, critica letteraria e traduttrice), da Elena Leonidovna Pasternak (docente alla Facoltà di Filologia dell’Università Statale di Mosca Lomonosov, presidente della Fondazione Boris Pasternak), da Evgenij Michajlovič Solonovič (poeta, traduttore e professore emerito dell’Istituto Letterario A.M. Gor’kij), da Aleksej Nikolaevič Varlamov (scrittore e filologo, rettore dell’Istituto Letterario A.M. Gor’kij) e da Anna Vladislavovna Jampol’skaja (traduttrice, filologa e professore presso l’Istituto Letterario A.M. Gor’kij)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *