PR & Influencer

Quando l’auto non va dal meccanico, il meccanico va dall’auto. O meglio il “Meccamico”

Ogni giorno si sente parlare di nuove app, aziende o progetti che offrono risparmi di tempo e denaro. Dall’ordinare cibo a domicilio siamo arrivati a vedere persino il successo di app con cui si trova il proprio partner.

Uno degli aspetti della vita rimasti ancora immutati è però il momento in cui prima o poi ognuno di noi deve recarsi con la propria auto dal meccanico. Che sia per il tagliando, per la revisione biennale o per una riparazione più complessa l’esperienza è sempre tutto tranne che piacevole.

Perdite di tempo, solitamente un’intera mattinata, scomodità nel doversi arrangiare quando l’auto è ferma e incertezza sul preventivo sono purtroppo una sicura garanzia.

Per questa ragione due ragazzi appassionati di auto e di innovazione digitale hanno deciso di darsi da fare e creare una soluzione. Dopo anni di studio all’estero hanno quindi deciso di tornare in Italia, controtendenza rispetto alla maggioranza dei propri coetanei. Non a cercare lavoro ma a crearlo. Come? Con un nuovo progetto chiamato Meccamico.

Cos’è Meccamico?

Meccamico è una piattaforma online tramite la quale qualsiasi automobilista può richiedere preventivi sul costo della riparazione o manutenzione della propria auto. Il bello però non si ferma qua! Oltre all’avere trasparenza sul preventivo, l’automobilista può anche richiedere che sia il meccanico stesso a venire a prendere l’auto.

Che sia presso il luogo di lavoro, la pausa al centro commerciale o il parcheggio di casa propria non fa differenza. Il meccanico arriva, ritira l’auto e la riporta a lavoro svolto. Semplice!

Si invertono quindi i ruoli e si garantisce un livello di comodità mai visto prima in un settore storicamente restio all’innovazione e avviluppato da dinamiche da ‘900.

La qualità del lavoro è garantita dal fatto che ogni singola officina è selezionata personalmente e deve passare una sorta di test per poter entrare a far parte del network di Meccamico. Così oltre alla comodità si può stare sereni che la propria auto sia in mano a gente che ne capisce e lavora con onestà.

Come mentore i ragazzi di Meccamico hanno Henry Ford, il lungimirante inventore della catena di montaggio che rese l’automobile un prodotto veramente accessibile a tutti. Una sua citazione in particolare sembra risuonare nel messaggio di Meccamico: “La qualità è quello che fai quando nessuno ti sta guardando”.

Sempre per rimanere in ambito automobilistico, una delle altre figure di ispirazione del progetto è Dante Giacosa, il creatore della piccola Fiat 500. Il genio del progettista fu infatti di aver studiato le necessità dell’automobilista italiano dell’epoca e aver creato un prodotto che, seppur di umili origini, riuscì a soddisfare appieno tali bisogni. “Nel nostro piccolo cerchiamo di sviluppare un servizio che oltre alla qualità garantisca anche un risparmio di tempo, risorsa sempre più preziosa per tutti i nostri utenti, oltre che noi stessi.” afferma il fondatore Alessandro Bianchi Maiocchi.

Quali sono i piani futuri per Meccamico?

Al momento la startup è operativa su Milano ma ha piani di espandersi rapidamente per tutta la Lombardia e regioni limitrofe. Nella fase di espansione sarà comunque fondamentale assicurarsi sempre che ogni nuovo meccanico partner sia all’altezza degli standard di qualità richiesti per garantire costanza ovunque venga fatta una richiesta tramite la piattaforma.

 

 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *