PR & Influencer

Invecchiamento attivo: mercoledì 25 maggio a Santa Caterina incontro informativo con i Volontari

È in programma domani, mercoledì 25 maggio, alle ore 18.00, nella Sala Coletti del Museo di Santa Caterina a Treviso, l’ultimo incontro informativo del calendario organizzato nell’ambito del progetto Attivo il mio tempo: un pensionamento generAt(t)ivo”. Un progetto, quello promosso dal CSV Belluno Treviso per incentivare l’invecchiamento attivo, inaugurato il 9 maggio scorso e che domani si avvia a chiudere il primo ciclo di cinque appuntamenti informativi nella Marca con un bilancio in positivo. Nelle ultime tre settimane, infatti, sono stati ben un centinaio i partecipanti agli incontri per conoscere le realtà associative del territorio attraverso l’esperienza diretta di chi è già volontario. Numeri incoraggianti per l’innovativo progetto, rivolto agli over 55, che proseguirà prima con attività di orientamento dedicate e poi, dal mese di giugno, con la formazione specifica, accompagnando infine i partecipanti all’inserimento in una delle Associazioni di Volontariato del territorio.

L’iniziativa, coordinata dal CSV Belluno Treviso nell’ambito di un programma di appuntamenti che si svolgeranno tutto l’anno guarda in particolare a chi è pensionato o prossimo al pensionamento. Il progetto – sviluppato nell’ambito della co-progettazione finanziata dalla Regione del Veneto e realizzata in collaborazione con la Camera di Commercio Treviso-Belluno e le Organizzazioni Sindacali Cgil, Cisl e Uil – mira a stimolare la cittadinanza attiva, formare nuovi volontari e avviare nuove esperienze per promuovere opportunità di relazione sociale, apprendimento intergenerazionale, e partecipazione, arricchendo di nuova linfa le Associazioni.

I partecipanti al progetto “Attivo il mio tempo” avranno modo di conoscere il mondo del Volontariato, accedere a uno sportello di orientamento dedicato, partecipare ad attività formative specifiche per diventare volontari, come quelle proposte da Università del Volontariato. Una volta prescelto uno tra i diversi ambiti operativi – anziani, disabili, minori, ambiente, povertà – il percorso prevede poi l’ingresso in un’Associazione di Volontariato per entrare o tornare a far parte di una delle tante realtà sociali del proprio territorio, aiutare chi è più in difficoltà rimanendo attivi e continuando a mettere a frutto le proprie passioni e abilità.

“La pandemia ha evidenziato quanto sia importante il ruolo e la qualità della vita delle generazioni più anziane per la coesione e la tenuta del nostro sistema sociale – afferma Alberto Franceschini, Presidente del CSV Belluno Treviso –. E il progressivo invecchiamento della popolazione ci pone davanti a sfide che vanno affrontate con urgenza e in sinergia con tutti gli attori nel territorio. Avere anziani più attivi, indipendenti e autonomi significa migliorare non solo la loro qualità della vita e delle loro famiglie, ma il benessere della collettività. In quest’ottica la straordinaria risposta delle persone che hanno partecipato ai primi incontri ci sprona a continuare sulla strada intrapresa. Per questo, stiamo già pensando a riproporre un secondo ciclo di eventi informativi per il prossimo autunno”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *