PR & Influencer

“L’OPERA AL FEMMINILE” DI SANDA BUCUR, ROSA SPINA E KETRA

La mostra “L’OPERA AL FEMMINILE” vede Sanda Bucur e Rosa Spina, artiste entrambe diplomate alle Accademie d’arte: la prima in Bucarest (Romania), l’altra in Sicilia, muoversi sulla strutturazione dell’opera. Mentre Ketra (Elena Pizzato), altra artista della mostra: diplomata all’Accademia di Venezia, espone presso il Museo della Città, e fa un lavoro di stampo concettuale programmando delle presine per cucina con scritte “oscene” che vengono poi fatte a mano dalla Nonna con l’ uncinetto. Il leitmotiv di queste artiste è che operano con i tessuti e quindi con filamenti di diverse tipologie: lana e metallo, come il filo dorato, ciò nonostante riescono a dare al loro lavoro un carattere che supera l’elemento di “arte applicata” per ritornarci un racconto da opera d’arte. l’Ordito, cioè lo sviluppo della storia, si intreccia finemente con la Trama che crea la visione finale e il tutto tenuto sull’onda dell’intelligenza emotiva. Il sentimento femminile la fa da padrone.

Sanda Bucur occupa il primo Molino con le sue tapisserie in cui: “ il filo è testo in cui si evidenzia il processo fra itinerario ed opera finita” (Francesca Brandes). Rosa Spina, che occupa il secondo Molino, usa “ il mezzo non non più come processo produttivo derivato, ma come atto indipendente da qualunque altro…..se l’opera è un testo, ed ogni testo è una tessitura allora il linguaggio qui funziona come presa di Coscienza” (Vittorio Sgarbi). Ketra (Elena Pizzato) attua delle scritte provocatrici che vengono poi realizzate all’interno di presine da cucina all’uncinetto dalla nonna unendo così la cultura Punk alla figura femminile della “casalinga” denunciando il bisogno di liberazione dall’assoggettamento totale al maschio. (Boris Brollo).

Quindi una mostra che mette in luce l’operare femminile e come questi si struttura nella vocazione psicologica ed emozionale di un’arte al femminile. Arte portatrice di un’ esperienza altra, dell’arte contemporanea. Arte che dà chiarore ad un modo di essere dell’artista donna da una parte, e che nel contempo arricchisce l’arte nel suo essere, al di là dei generi, e questo grazie all’immissione nel consesso artistico  del femminile soprattutto dai primi del Novecento ad oggi.

Riassumendo la mostra parte dalle tapisserie astratte della Bucur per arrivare al filamento segnico della Spina, ed ai testi di Ketra in un rimando culturale continuo che è un rilancio della visione del fare e del farsi nel suo diventare opera.

 

Il curatore Boris Brollo

“L’OPERA AL FEMMINILE” di  Sanda Bucur, Rosa Spina, e Ketra (Elena Pizzato), 8 Marzo – 20 Aprile 2020

Inaugurazione 8 Marzo 2020, ore 17.30

Presentazione di Boris Brollo, direttore galleria Ai Molini,  Galleria Comunale Ai Molini, Portogruaro (VE)

Nicoletta Lodde
Appassionata arte architettura Designer

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *