PR & Influencer

Banca Prealpi San Biagio elegge le cariche sociali, Carlo Antiga riconfermato Presidente

Si è tenuta regolarmente mercoledì 24 e giovedì 25 giugno (rispettivamente in prima e in seconda convocazione) l’Assemblea ordinaria di Banca Prealpi SanBiagio, storico Istituto di credito con sede a Tarzo nel cuore delle Prealpi trevigiane. Svoltasi quest’anno con partecipazione dei soci “a distanza”tramite delega conferita al Rappresentante Designato, in ottemperanza alle vigenti norme anti-assembramento dettate dall’emergenza coronavirus, l’Assemblea è stata la prima dell’epoca post-fusione, con una rappresentanza sociale complessiva di oltre 18.000 soci su 9 province del Nordest.

La partecipazione all’appuntamento societario è stata altissima: sono state infatti 897 le deleghe correttamente presentate su oltre 1.000 raccolte, che hanno approvato il bilancio consuntivo 2019 dell’Istituto, così come quello di Banca San Biagio del Veneto Orientale – poi incorporata in Banca Prealpi SanBiagio – relativamente al primo semestre dello scorso anno. È stato quindi dato parere positivo anche al progetto di destinazione d’uso degli utili, con l’aumento del plafond destinato alle erogazioni liberali sul territorio a 2 milioni di euro. Un messaggio di riconoscimento del valore e della lungimiranza delle azioni intraprese sul piano della gestione sia ordinaria che strategica dell’Istituto. Banca Prealpi SanBiagio si conferma una realtà solida e in crescita, che ha saputo in questi anni leggere il presente con sguardo prospettico e avviare processi decisionali con molta concretezza, andando talvolta controcorrente e fungendo da apripista all’esperienza di altre Banche: dal nodo della scelta della Capogruppo alla recente fusione.

Si è quindi proceduto al primo rinnovo delle cariche sociali: con l’espressione del loro voto, i soci sono stati chiamati a dare un giudizio sull’operato di questo Consiglio di Amministrazione, valutando la gestione complessiva dell’Istituto. Il CdA di Banca Prealpi SanBiagio risulta quindi composto da: Carlo Antiga, Luca De Luca, Flavio Salvador, Gianpaolo De Luca, Mauro De Lorenzi, Fausto Zanette, Aristide Zilio, Nicola Sergio Stefani, Renato Antonio Segatto, Angelo Faloppa, Paolo Introvigne, Ennio Gallon, Leonardo Massaro. Sono stati nominati anche i componenti del Collegio Sindacale, alla cui presidenza è stato riconfermato Remo Spagnol, affiancato da Francesco Dam e Pietro Antonio Cremasco.

Una volta terminata l’Assemblea, il nuovo Consiglio d’Amministrazione si è riunito per designare le cariche sociali. Carlo Antiga è stato riconfermato nella carica di Presidente di Banca Prealpi SanBiagio, mentre Luca De Luca è stato nominato come Vicepresidente vicario, e Flavio Salvador e Gianpaolo De Luca come Vicepresidenti.

Una scelta, quella dei soci, che si pone nel segno della continuità e della stabilità, confermando alla guida di Banca Prealpi SanBiagio la governance che ha retto l’Istituto negli ultimi anni e che ha gestito l’operazione di fusione avvenuta con successo lo scorso anno.

«Vogliamo ringraziare tutti i soci che hanno preso parte compatti e in gran numero a questa Assemblea, nonostante la modalità di partecipazione “da remoto”, dimostrando grande maturità, responsabilità e affezione nei confronti di Banca Prealpi SanBiagio: è segno che hanno compreso la straordinarietà del momento che stiamo attraversando e hanno condiviso la scelta fatta per la sicurezza di tutti – ha dichiarato Carlo Antiga, Presidente di Banca Prealpi SanBiagio – Continueremo a lavorare come sempre e a rispondere alle esigenze di chi ci ha dato fiducia anche per i prossimi tre anni: abbiamo e avremo veramente molto lavoro di svolgere. L’emergenza coronavirus, infatti, ha investito in maniera inaspettata le nostre comunità di riferimento e la prospettiva economica dei prossimi mesi a livello nazionale e internazionale si è fatta più incerta. Siamo chiamati a svolgere un’azione tempestiva, efficace e concreta, per dare il giusto sostegno al tessuto economico e sociale e per fungere ancora una volta da stimolo alla tenuta e, ci auguriamo, alla futura crescita della nostra comunità».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *