PR & Influencer

Presentazione dei due romanzi Il duomo galleggiante di Francesca Biscaro e Tra di noi l’acqua di Emanuela Amadio sabato 16 marzo, ore 17.30

Le autrici Francesca Biscaro e Emanuela Amadio dialogano con Daniela Rossi, editor e scrittrice.

Le due autrici Francesca Biscaro ed Emanuela Amadio presentano i loro romanzi d’esordio, entrambi editi da Apogeo, presso il prestigioso Hotel Monaco a Venezia in occasione del mese della donna.

Una serata organizzata da Libreria Studium by The Merchant of Venice e Hotel Monaco & Grand Canal in collaborazione con La taverna delle arti di Daniela Rossi e con Apogeo editore. Ingresso su prenotazione mandando una mail all’indirizzo: studium@themerchantofvenice.it

Le autrici saranno disponibili a firmare le copie dei loro libri al termine della presentazione.

Francesca Biscaro con il romanzo “Il duomo galleggiante” racconta una storia di sentimenti, fragilità e legami familiari, racchiusi nei trent’anni di vita della protagonista, Laura. La scelta di non seguire un ordine cronologico degli eventi accompagna il lettore nella costruzione di un puzzle letterario, in cui ogni frammento trova, capitolo dopo capitolo, la propria collocazione.

Emanuela Amadio con il romanzo “Tra di noi l’acqua”, ambientato in gran parte a Venezia, racconta di François, giornalista francese che atterra in Laguna in una giornata d’inverno del 1996. Ha appena lasciato Parigi e la sua vita inquieta per perdersi tra le calli, respirare a fondo e redigere un articolo sul manicomio di San Clemente. François, però, ancora non sa che la visita di quel posto “dimenticato da Dio” e l’incontro con un ottuagenario di nome Alfonso lo condurranno dritto verso un passato abitato da una donna: Lavinia.

I due romanzi

Francesca Biscaro, Il duomo galleggiante, Apogeo editore

“Laura non è stata una brava bambina. Se ne sono andati tutti per colpa sua?”

Nel 1993 Laura è una giovane donna che vive e lavora a Milano. È sposata con Marco, un promettente commercialista. Una vita in apparenza felice, se non fosse per quell’ufficio in Largo Primo Maggio dove trascorre buona parte delle sue giornate tra scrivanie deserte e ficus benjamin spogli. La voce dell’amica Federica, che le arriva ogni giorno attraverso la cornetta da duecento chilometri di distanza, non basta più a riempire il vuoto che la avvolge. Il 3 giugno Laura si ritrova a fare i conti con una ricorrenza che invade la sua anima e la corazza in cui pensava di aver rinchiuso il suo dolore si spezza. Il passato da cui è fuggita dieci anni prima, lasciandosi alle spalle il paese dov’è nata, l’amata nonna e i giochi da bambina, ritorna prepotente a travolgerla. Le Barbie avevano visto tutto, ma conservavano un segreto, come tutti nella sua famiglia: cosa si nascondeva dietro la tristezza di sua madre? Chi è Maria? Perché Laura e nonna Regina sono rimaste così a lungo da sole, al riparo di un microcosmo perfetto? Vent’anni dopo, Marco e Federica si incontreranno, al cospetto di Laura, alla ricerca di quel che resta della verità.

Emanuela Amadio, Tra di noi l’acqua, Apogeo editore

François, giornalista dall’animo inquieto, vive i suoi quarant’anni come un funambolo in una Parigi frenetica e mondana, barcamenandosi tra il passato di un padre ingombrante e il presente di una madre distratta. Improvvisamente il destino lo spinge a lasciare la città e in una giornata uggiosa sbarca a Venezia avvolto da una calma apparente. Non sa ancora che “la vecchia madama”, lontano dai rumori dei turisti, nasconde un lato in ombra particolarmente ostile.
Tra le calli di Cannaregio abita Alfonso, un ottuagenario vedovo, un uomo d’altri tempi che non si è mai allontanato dagli affetti e dal suo piccolo mondo. I due si conoscono in una vecchia trattoria e le loro vite, così diverse, si intrecciano e percorrono insieme un pezzo di strada affrontando l’inaspettato che arriva dal manicomio dismesso di San Clemente. È in questa lingua di terra dimenticata tra le acque della laguna, dove anche i vaporetti assomigliano a fantasmi, che tutte le certezze di François si sgretolano con violenza. Le “urla dei matti” e la storia della giovane Lavinia si avvinghiano alla sua anima costringendolo a setacciare uno ad uno i granelli di un passato sepolto e insospettabile

Alcune note sulle autrici

Francesca Biscaro vive in Provincia di Treviso. Lavora da vent’anni nel settore alberghiero, si occupa di Human Resources. Scrive per passione dall’età adolescenziale. Nel 2013 il racconto “L’altra me” è stato pubblicato nell’Antologia Sensi e Pretesti da Apogeo Editore.

“Il duomo galleggiante” è il suo romanzo d’esordio, che ha presentato a ottobre in occasione della Decima edizione di Carta Carbone Festival.

Emanuela Amadio vive da sempre nel Trevigiano. Ha studiato Lettere a Ca’ Foscari e lavorato vent’anni come bibliotecaria. Nel 2008 ha conseguito il diploma di Counsellor all’Istituto di terapia familiare EIDOS di Treviso. Nel 2012 il suo racconto “Marzo” ha ottenuto un riconoscimento alla quarta edizione del premio letterario Nazionale di Chianciano Terme “Donna sopra le righe”. Nel 2013 e nel 2016 i racconti “Regina di carta” e “Dolce aroma” sono stati pubblicati a cura dell’Associazione “La compagnia dei mestieri” di Pordenone. “Tra di noi l’acqua” è il suo romanzo d’esordio, che ha presentato a ottobre in occasione della Decima edizione di Carta Carbone Festival.

Daniela Rossi vive e lavora tra il Veneto e la Calabria, è curatrice editoriale indipendente, professionista della scrittura, esperta del settore editoriale e attivista culturale. Promuove la lettura organizzando incontri con gli autori e rassegne, progetta format culturali coniugando la narrativa con l’arte contemporanea, la musica, la danza e il cibo. Cura e conduce il podcast “La Taverna delle Arti”. Ha insegnato per dieci anni “Storia della grafica pubblicitaria” presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia dedicandosi a ricerche sugli stereotipi di genere nella comunicazione. Ha scritto albi illustrati, ottenendo una serie di riconoscimenti e premi in concorsi letterari italiani ed esteri. Autrice di racconti pubblicati in varie antologie e della biografia romanzata “Eugenio Carbone un genio tra ago e pennello” (CLEUP, 2023).

La presentazione è organizzata dalla Libreria Studium di Venezia by The Merchant of Venice, in partnership con Hotel Monaco & Grand Canal in collaborazione con La Taverna delle Arti di Daniela Rossi e con Apogeo editore.

La Libreria Studium di Venezia, rinnovata di recente, è gestita dall’azienda veneziana di profumeria The Merchant of Venice, già partner del Museo del Profumo di Palazzo Mocenigo e del concept store Bottega Cini a San Vio, che ospita le eccellenze dell’artigianato locale.

La Libreria Studium, che si trova a pochi passi da Piazza San Marco, è da sempre specializzata in testi su Venezia, oltre ad avere un’ampia sezione di libri in lingua inglese e francese, una selezione di libri in spagnolo e tedesco. Completa l’offerta una sezione dedicata ai cataloghi d’arte, la letteratura per l’infanzia e testi di narrativa in lingua italiana, oltre a una libreria olfattiva unica nel suo genere, che, oltre a raccogliere testi legati al mondo della profumeria e della cosmetica, ospita corsi di composizione e creazione di profumi su misura.

Hotel Monaco & Grand Canal, sito in una delle posizioni più eccezionali di Venezia, dove il Canal Grande si affaccia sul bacino di San Marco, comprende vari edifici tra cui Palazzo Dandolo, al cui interno si trovano le Sale del Ridotto.

Queste sale, immortalate nel celebre dipinto “Il Ridotto” di Francesco Guardi (1745-1750) oggi conservato a Ca’ Rezzonico, hanno ricoperto un ruolo importante nella storia della Serenissima. Da sede dell’ambasciata di Francia nel Cinquecento, esse ospitarono nel Settecento una casa da gioco gestita direttamente dallo Stato e aperta a tutti (“publico ridotto”) e, avendo acquisito una notevole fama, divennero tappa obbligata per i viaggiatori del Grand Tour. La casa da gioco, chiusa per ragioni d’ordine pubblico nel 1774, fu adibita in seguito a teatro ed è divenuta in tempi recenti parte del complesso alberghiero Hotel Monaco & Grand Canal.

Oggi, dopo interventi di restauro condotti nel massimo rispetto per preservare e conservare l’autenticità dei locali, gli spazi accolgono una sala polifunzionale interamente affrescata, attorniata da ulteriori otto sale di minor ampiezza, che ben si prestano ad accogliere ogni tipo di evento aziendale, da un incentive ad una convention, da una sfilata di moda ad un’esposizione o un workshop.

La Taverna delle Arti di Daniela Rossi

Ideato e prodotto da Daniela Rossi (la Taverniera) con il supporto tecnico di LevelUP web marketing, da due anni La Taverna delle Arti è un podcast dedicato alle varie declinazioni delle Arti. È una bottega dove le idee circolano libere, per confrontarsi, scontrarsi e uscirne più vitali. Uno spazio dedicato ai libri, alla fotografia, al cinema, al teatro, alle storie del territorio, alle tradizioni e alla Memoria. Un antro dove è possibile affrontare anche i temi “scomodi”.

Durante l’evento sarà possibile acquistare il libro e aderire al programma membership della Libreria Studium. Ingresso su prenotazione mandando una mail all’indirizzo:

studium@themerchantofvenice.it

Per informazioni

Libreria Studium

+390415222382

studium@themerchantofvenice.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *