PR & Influencer

GRAN CONCERTO “TREVISO, 7 APRILE ’44”

AL TEATRO COMUNALE MARIO DEL MONACO LA COMMEMORAZIONE IN MUSICA A 75 ANNI DAL BOMBARDAMENTO CHE DISTRUSSE LA CITTA’ IL VENERDI’ SANTO DEL 1944

Domenica 7 aprile 2019 la prima esecuzione assoluta di brani originali composti dai maestri Gianni Ephrikian e Stefano Mazzoleni, quale omaggio alla storia della loro città. Sul palco l’Orchestra Filarmonica del Veneto e il pianista Giacomo Franci. Per l’occasione sarà presentato il progetto culturale “Ego Marcus Paulo volo et ordino – I Segreti del Testamento di Marco Polo”.
Treviso. Sono passati 75 anni dal tragico bombardamento compiuto dalle Fortezze Volanti angloamericane, che, il 7 aprile 1944 Venerdì Santo, tra le 13.24 e le 13.29 sganciarono su Treviso duemila bombe. Il raid provocò oltre un migliaio di vittime tra i civili e lasciò la città in gran parte distrutta, irrimediabilmente ferita, i principali monumenti storici e artistici ridotti in macerie. Per ricordare, con la forza rigenerante della musica, una delle pagine più drammatiche della storia trevigiana, i direttori d’orchestra Gianni Ephrikian e Stefano Mazzoleni hanno deciso di rendere omaggio alla loro città con il “Gran Concerto – Treviso, 7 aprile ’44”, che si terrà al Teatro Comunale “Mario Del Monaco” proprio nel giorno in cui ricorre il settantacinquesimo anniversario del raid aereo, domenica 7 aprile con inizio alle ore 17.30. L’evento è stato organizzato grazie al patrocinio del Comune di Treviso e della Provincia di Treviso.
Composizioni originali per pianoforte e orchestra
In programma brani originali proposti in prima esecuzione assoluta, composti da Gianni Ephrikian e Stefano Mazzoleni ed eseguiti dall’Orchestra Filarmonica del Veneto (quaranta musicisti selezionati dalle migliori orchestre venete), diretta dal maestro Mazzoleni. Pianoforte solista Giacomo Franci. Originario della Toscana, Franci risiede stabilmente a New York ed è direttore dei The New York Chamber Players Orchestra, da lui fondata nel 2004.
Treviso prima e dopo nelle immagini d’epoca del FAST
Il programma del concerto sarà aperto dalla composizione originale pensata proprio
per questo significativo anniversario, “Treviso, 7 aprile ’44”. Gli autori Ephrikian e Mazzoleni sottolineano che “gli artisti possono, con la loro opera, ricordare ed anche creare un momento di unione che faccia sentire viva la memoria e la condivisione della nostra storia”. Saranno proiettate rare immagini d’epoca, che raccontano Treviso prima e dopo il bombardamento, digitalizzate e messe a disposizione dal FAST – Foto Archivio Storico Trevigiano. Il programma proseguirà con l’esecuzione di “3 Variations on a Thema by Michael Levy”, concerto per pianoforte e orchestra composto da Giacomo Franci, e della suite per orchestra “L’ottavo giorno”, opera moderna firmata da Gianni Ephrikian.
“Marco Polo”, musica e testamento del viaggiatore veneziano
A chiudere sarà il concerto per pianoforte e orchestra “Marco Polo”, un’altra composizione originale di Ephrikian e Mazzoleni, concepita quale omaggio al passato splendore della Repubblica di Venezia, che ancora oggi affascina il mondo, e al suo personaggio più leggendario, il viaggiatore Marco Polo.
Questa composizione è stata premiata al “GLOBAL MUSIC AWARDS march 2019”
Evento nell’evento, per l’occasione al pubblico del Teatro “Mario Del Monaco” sarà presentato “Ego Marcus Paulo volo et ordino – I Segreti del Testamento di Marco Polo, progetto culturale firmato dalla Società Scrinium con la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali . Si tratta del Testamento di Marco Polo, un documento di enorme valore storico perché costituisce l’unica traccia diretta storicamente accertata della vicenda biografica di Marco Polo.
Scrinium e la Biblioteca Nazionale Marciana, che custodisce il prezioso documento, riportano al centro della ricerca storica, e alla ribalta internazionale, il manoscritto con cui il più grande viaggiatore di tutti i tempi dettò le sue ultime volontà e lasciò in eredità il suo ingente patrimonio in denaro e beni di svariata natura, comprese merci esotiche portate dai suoi viaggi in Oriente.
L’installazione, che sarà proposta al pubblico del concerto, rivela la prima perfetta riproduzione del Testamento originale, vergato nel 1324 su una pergamena di pecora, larga circa 25 centimetri e lunga 67. Dopo un delicato intervento di restauro conservativo, è stato clonato il documento attraverso l’analisi chimico-fisica e il primo studio bio-archeologico del substrato della pergamena condotto con il metodo della spettrometria, operazioni affidate ad un team internazionale di esperti. Attraverso una nuova ricerca paleografica, è stata ottenuta la prima trascrizione e interpretazione integrale del testo.
La replica a New York, dopo la prima di Treviso
L’esecuzione del concerto per pianoforte e orchestra “Marco Polo” e del brano “Treviso, 7 aprile ’44” sarà replicata, subito dopo Pasqua, alla Merkin Hall di New York, sala nel cuore di Broadway, martedì 23 aprile. Ad interpretare le musiche dei compositori trevigiani sarà The New York Chamber Players Orchestra, diretta per l’occasione da Stefano Mazzoleni; al pianoforte siederà ancora Giaciomo Franci.
BIGLIETTI E PREVENDITE
I biglietti per assistere al concerto di domenica 7 aprile si trovano già in prevendita da Mezzoforte, via Giovanni Pascoli 11 a Treviso, tel. 0422.540365. Costo dei biglietti: posti in platea e palchi centrali 25,00 euro + 1,00 euro d.p.; palchi laterali 20,00 euro + 1,00 d.p.; loggione 15,00 euro + 1,00 euro d.p.
Con preghiera di pubblicazione e diffusione
I maestri Gianni Ephrikian e Stefano Mazzoleni (di cui vi forniamo in allegato le
biografie e le fotografie recenti) sono disponibili per interviste. In allegato anche il comunicato stampa di Scrinium sul Testamento di Marco Polo.

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *