PR & Influencer

Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon: al via il fenomeno norvegese Sondre Moen

Poco più di due settimane alla Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon in programma domenica 16 febbraio 2020, gara inserita nel calendario World Athletics, Aims ed evento Gold Label Fidal. Quest’anno la gara veronese, organizzata dal Gs Gaac 2007 Veronamarathon in collaborazione con il Comune di Verona, sarà la gara da 21,097km più importante dell’anno in Italia in quanto sede di assegnazione del titolo di Campione Italiano Assoluto Fidal di Mezza Maratona.

 

Fioccano le iscrizioni, confermata un’elevata presenza di stranieri a riprova del fatto che Verona è una città molto amata. Si preannuncia un’edizione scintillante con i più forti italiani al via ma anche grazie a grandi nomi stranieri che infiammeranno la sfida per vincere la gara. La conferma che si tratta di un percorso filante quello scaligero lo testimonia il primato del percorso di 60:24 stabilito da Edwin Koech nel 2017 e l’ottimo 69’15” di Mimi Belete al femminile nello stesso anno.

 

Al via quest’anno anche il ventinovenne norvegese Sondre Moen, ex detentore del primato di maratona  europeo, ottenuto grazie ad uno stepitoso 2:05:48 firmato a Fukuoka nel 2017 e soffiatogli da Mo Farah a Chicago l’anno successivo per soli 37 secondi. Nello stesso anno Moen aveva anche stabilito il primato nazionale norvegese alla mezza maratona di Valencia con 59:48, come se non bastasse detiene attualmente anche il record nazionale di 27:24 sui 10000 m. Primato ottenuto a Kristiansand nell’Agosto 2019. Moen arriverà a Verona direttamente dal Kenya dove si sta allenando in queste settimane e dove tornerà subito dopo per completare la preparazione della maratona di Londra del prossimo 26 Aprile dove è stato inserito nella top ten list e miglior crono europeo in gara.

 

La Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon sarà, quindi, per il norvegese la prima gara del 2020 ed un’ottima occasione per testare la propria condizione: “E’ troppo presto pensare ora di poter fare grandi tempi – fa sapere Sondre Moen – dopo la maratona di Valencia del 1° dicembre (7° in 2h06’16”) e la pausa-recupero di Dicembre. Sfrutterò questa gara per capire su cosa devo lavorare per migliorare in vista della maratona di Londra. Non cerco un crono sensazionale, ma spero di avere buone sensazioni, naturalmente cercherò di essere il più competitivo possibile e so che con tanti altri atleti di ottimo livello troverò il modo per fare il ritmo giusto”.

 

Moen non è nuovo alle competizioni italiane, avendo gareggiato negli scorsi anni a Oderzo, alla BoClassic, al Campaccio Cross Country, a Castelbuono e, persino, esordito sulla distanza regina alla maratona di Firenze del 2015, dove giunse quarto con 2:12:54. Il norvegese, che è allenato dal guru della maratona Renato Canova è spesso al parco della Mandria a Torino o al Sestriere: “Amo correre in Italia perché si attraversano centri storici bellissimi, sono certo che la bellezza di Verona mi colpirà e non vedo l’ora di gareggiare”.

 

 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *