PR & Influencer

Fase 2: si può utilizzare la bicicletta elettrica?

La tanto attesa Fase 2 permetterà di allentare le rigide misure di lockdown e di iniziare, timidamente, a tornare alla vita quotidiana. Senza dimenticare le dovute precauzioni come l’utilizzo di mascherine, guanti e il rispetto delle distanze di sicurezza. Un tema molto dibattuto è senza dubbio l’utilizzo dei mezzi di trasporto: come ci si sposterà in Italia per evitare contatti e contagi? La maggior parte delle regioni italiane ha adottato misure di sicurezza che fissano un numero massimo di passeggeri sui mezzi pubblici come autobus e treni, mentre per le auto private alcune norme suggeriscono un massimo di due passeggeri per veicolo. Complice anche l’arrivo della bella stagione e le temperature miti, la bicicletta potrebbe essere il mezzo ideale per spostarsi, meglio ancora se elettrica per le grandi distanze Ma si può utilizzare?

 

Cosa dice il DCPM del Governo

 

Dopo alcuni giorni di caos e mancanza di informazioni, il Governo ha chiarito molti dei punti contenuti nel DCPM rimasti oscuri. Lo ha fatto tramite FAQ consultabili sul sito istituzionale. Proprio qui si trova la risposta alla domanda riguardo l’utilizzo di biciclette; ed è affermativa, seppur con alcune limitazioni.

Il particolare, il Governo afferma che l’utilizzo della bicicletta è consentito in quattro casi specifici:

  • raggiungere la sede di lavoro;
  • tornare al luogo di residenza;
  • recarsi presso negozi e attività che possono effettuare servizio di vendita;
  • svolgere attività sportiva.

In ogni caso deve comunque essere rispettata la distanza di almeno un metro tra le persone e, se ciò non è possibile, occorre indossare l’apposita mascherina.

 

Attenzione alle ordinanze delle singole Regioni

 

L’uso della bicicletta, anche quella elettrica, è dunque consentito ma attenzione alle ordinanze delle singole regioni che possono decidere di inasprire le regole nei propri confini regionali. Senza dubbio una bicicletta elettrica performante potrebbe risolvere l’annosa questione degli spostamenti, con alcuni interessanti vantaggi. Tra questi evitare di prendere mezzi pubblici (che non possono essere affollati) e l’utilizzo delle automobili che potrebbe tornare a congestionare il traffico.

Come per le passeggiate, anche nel caso dell’utilizzo della bicicletta vale il divieto di assembramento. Occorrerà quindi prestare attenzione su piste ciclabili e strade ad alta percorrenza, dove il rischio di incontrare altri ciclisti è più elevato.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *