PR & Influencer

Doppio Exploit! Maude Mathys e Stian Angermund trionfano alla seconda tappa della GTWS 2021

Dopo un anno di pausa, abbiamo assistito al grande ritorno alla Mecca del trail running, Chamonix, per l’attesissima seconda tappa della Golden Trail World Series che è anche una tappa della Golden Trail National Series Francese – la leggendaria Marathon du Mont Blanc.

 

Questa domenica mattina di luglio, le alte nuvole bianche hanno danzato sulle cime dei ghiacciai della valle di Chamonix, lasciando il posto al cielo azzurro e all’aria fresca del mattino. Una manna dal cielo per i 1.600 corridori che si sono preparati a partire da Chamonix per un percorso completamente nuovo della Mont-Blanc Marathon, modificato per rispettare le restrizioni imposte a causa dell’emergenza sanitaria. Solo 4 km in meno, 38 km per un notevole dislivello di oltre 2.600 metri: benvenuti sulle montagne russe delle Alpi francesi!

 

L’inarrestabile Stian

 

Aveva già dimostrato il suo valore al primo round di questo GTWS 2021 in Spagna, Stian Angermund (Norvegia, Team Salomon) lo ha fatto ancora una volta sui sentieri alpini. Trattenendosi nella prima parte di gara, il norvegese ha saputo aspettare il momento giusto per sparare i fuochi d’artificio e far fuori i suoi inseguitori, uno per uno. “All’inizio mi sentivo in difficoltà… Forse avevo mangiato troppo”, spiega.Ho tenuto duro e stavo correndo con Bart, Davide e Carlos. Poi in cima, sono passato dall’altra parte con Davide ma poi Bart ha accelerato la discesa verso Vallorcine. Per fortuna sono riuscito a stargli dietro anche se ha creato un gap. Per fortuna a Vallorcine l’ho raggiunto e mi ha detto che le sue gambe non stavano benissimo! Quindi, ho messo un po’ di pressione sulla salita per creare un gap. Non sono mai stato molto rilassato, avevo davvero paura che Bart, Davide o anche qualcun altro mi raggiungessero prima del traguardo. Ma da La Flégère mi sono davvero divertito, mi piace molto questa parte del percorso, che è super divertente da correre!

 

Al traguardo ha vinto con oltre 2 minuti di vantaggio sul secondo classificato Davide Magnini (Italia, Team Salomon). “Oggi non avevo le gambe buone, mi facevano molto male nella seconda parte di gara. Ero tipo “OK, non pensarci e cerca di continuare a correre il più forte possibile”. Poi ho iniziato ad avere problemi di stomaco e non riuscivo più a bere. Sono fastidiosi questi problemi di digestione… sono un po’ deluso di non aver potuto combattere con tutte le mie armi, ma sono comunque abbastanza contento della mia gara!”

Bartlomiej Przedwojewski (Polonia, Team Salomon) ha completato il podio. Il polacco ha usato la sua potenza in discesa per guadagnare un vantaggio sufficiente per assicurarsi il terzo posto. “So che il mio punto di forza sono le discese”, ci racconta. “Ma considerando il livello degli altri ragazzi, ho dovuto spingere ancora più forte del solito e correre dei rischi per cercare di creare abbastanza vantaggio in discesa. Ma è stata una grande gara per me, mi sono sentito davvero bene durante la gara. Nell’ultima parte Stian e Davide sono stati davvero più bravi di me… ho provato a raggiungerli, ma era impossibile. “

 

Maude, all’orizzonte

 

Anche in campo femminile Maude Mathys (Svizzera, Team Salomon) ha riproposto lo stesso schema di gara della prima tappa. Molto rapidamente, la svizzera ha allargato il gap con le rivali alle quali non ha lasciato scampo. “Ho avuto ancora difficoltà a trovare un buon ritmo”, ha detto al traguardo. I miei quadricipiti erano duri da morire, non potevo scattare in avanti ed ero troppo rigida in discesa. Sapevo che Anaïs era forte. Poi c’era la grande salita ed è stata la mia occasione per andare avanti e creare un gap. In discesa non ho preso rischi e poi, nell’ultima ora, mi sono sentita meglio e sono riuscita a tirare il ritmo. Non erano ancora le stesse sensazioni che avevo in Spagna, lì stavo volando. Ecco, ho aumentato il mio vantaggio, ma non ero serena”.

Eppure, al traguardo, Maude Mathys ha superato di oltre 9 minuti la seconda Anaïs Sabrié (Francia, Team Matryx). “Sono così grata a tutti, al pubblico, ai corridori, agli organizzatori e alle marmotte! Sentivo di avere delle buone gambe oggi, quindi questo è un ottimo risultato. Ho ancora alcuni punti da migliorare in discesa, ma è stata una gara davvero fantastica e il percorso è stato fantastico!  Questa,sulle Alpi, è la gara dei miei sogni!”

Blandine L’Hirondel (Francia, Team Hoka One One) ha completato il podio femminile, nonostante una grave distorsione alla caviglia. “Al km 15 mi sono di nuovo slogata la caviglia… ho un problema serio a questa caviglia. Stavo per arrendermi. A Vallorcine mi sono fermata e mi sono chiesta se avrei continuato o meno. Però lo sport mi piace troppo. Quindi, ho semplicemente tenuto duro e ho continuato. Non mi aspettavo davvero di essere terza. Non so cosa farò dopo, inizierò trattando prima questa caviglia e poi ‘vedrò.”

 

 

Ci vediamo a Canazei, in Italia, tra 2 settimane il, 18 luglio per la la Dolomyths Run – Il corridoio per l’inferno la 3a tappa della Golden Trail World Series

 

Risultati Uomini

 

1 – STIAN ANGERMUND (NOR SALOMON): 03:18:08 (+100 pts)

2 – DAVIDE MAGNINI (ITA – SALOMON): 03:20:10 (+88 pts)

3 – BARTLOMIEJ PRZEDWOJEWSKI (POL – SALOMON): 03:23:23 (+78 pts)

4 – RÉMI BONNET (CHE – SALOMON): 03:27 :14 (+72 pts)

5 – FRANCESCO PUPPI (ITA – NIKE TRAIL): 03:28:18 (+68 pts)

 

Risultati Donne

 

1 – MAUDE MATHYS (CHE – SALOMON): 03:51:04 (+100 pts)

2 – ANAÏS SABRIÉ (FRA – MATRYX): 04:00:17(+ 88 pts)

3 – BLANDINE L’HIRONDEL (FRA – HOKA ONE ONE): (+ 78 pts)

4 – DANIELA OEMUS (GER): 04:13:34 (+72 pts)

5 – MARCELA VASINOVA (CZE – SALOMON): 04:14:46 (+68 pts)

 

 

Risultati completi della gara – CLICK HERE

 

Classifica Generale GTWS 2021 – CLICK HERE

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *