PR & Influencer

DIADORA CORRE A NEW YORK: LE 20 RAGAZZE VINCITRICI DEL CONTEST #RUNTONYC AI BLOCCHI DI PARTENZA DELLA MARATONA

Dopo 8 mesi di lavoro, il 5 novembre il team Diadora realizza un sogno.
A più di un anno dal suo lancio ufficiale, e a 8 mesi circa dagli inizi degli allenamenti, Diadora e
il suo team tutto al femminile sono finalmente sbarcati nella grande Mela, e stanno al momento
terminando gli ultimi allenamenti di acclimatamento a Central Park, prima di presentarsi
– unite – alla linea di partenza della 46esima edizione della maratona più celebre del mondo.
Questo progetto ambizioso arriva domani alla sua agognata conclusione, portando 20
runner a confrontarsi non solo con la regina delle corse, ma con la sua più iconica incarnazione:
la New York City marathon.
Diadora arriva a questo appuntamento con la soddisfazione di aver non solamente allenato
queste ragazze, ma di aver creato in questi mesi una vera squadra, il cui affiatamento si
è consolidato durante allenamenti, meeting e ritiri, e di averlo fatto all’insegna del proprio
motto “Make it Bright” che è un vero e proprio invito a trasformare l’ordinario in straordinario.
L’anima “Bright” di Diadora vive e respira in questo progetto, che è stato in primis un percorso
di crescita sportiva e personale che parla dell’attività fisica come di un momento di felicità e
condivisione, riportando in primo piano il puro piacere di fare sport.
Capitano di questo team tutto al femminile è stato sin dall’inizio Gelindo Bordin:
“La preparazione tecnica durata 8 mesi, si sta concludendo in questi giorni a New York.” afferma l’oro
olimpico della maratona di Seul e oggi merchandising e sport marketing Director di Diadora “Vogliamo
dimostrare che chiunque può correre una maratona, unendo sudore, impegno e perché no,
anche divertimento. Non è necessario essere atlete, basta solo aver voglia di rimettersi in discussione
e un pizzico di coraggio. L’unico limite che uno ha è quello che si autoimpone! Ci vuole determinazione
e un buon programma d’allenamento per scoprire che correre è prima di tutto gioia. Siamo tutti
nati runner: corriamo per natura e con questo progetto spero di aver sostenuto le nostre ragazze nello
sviluppare questo dono innato e a sfruttarlo nel modo giusto. E ora? Non rimane che infilarsi un paio
di Diadora Blushield e partire.”
Ad affiancare le 20 vincitrici ci sarà anche Enrico Moretti Polegato, Presidente e Amministratore
Delegato dell’azienda veneta, che ha seguito un regime di allenamento parallelo
a quello delle ragazze, e che si presenta alla sua prima maratona:
“É con grande emozione ed entusiasmo che correrò i miei primi 42 km che mi porteranno al traguardo
di Central Park e sono felice di mettermi in gioco e vivere questa avventura proprio insieme
alle ragazze vincitrici della #RuntoNYC. Questo web contest – ha sottolineato Enrico Moretti
Polegato – è un progetto nato per raccontare l’universo femminile, un universo da sempre fonte
d’ispirazione per il brand Diadora.”

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *