PR & Influencer

COVID E DISAGIO PSICOLOGICO IN AUMENTO: NASCE L’APP SYGMUND, “LO PSICOLOGO ON DEMAND”

Il Covid ha purtroppo fatto emergere le fragilità psicologiche di molti italiani.

Secondo una rilevazione sullo stress degli italiani condotta dall’Istituto Piepoli l’indice di disagio psicologico è di 62 su 100. Oltre il 40% delle persone evidenzia un livello di stress tra 80 e 100.

Un altro sondaggio, condotto dall’Eurodap (Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico), evidenzia che per il 57% dei partecipanti, una delle conseguenze psicologiche più evidenti del Covid-19 è la paura di essere contagiati o di poter contagiare gli altri senza saperlo. Solo il 18% è preoccupato per le conseguenze socio-economiche. Il restante 25% teme le misure restrittive. Per gli intervistati, le emozioni dominanti continuano a essere nervosismo ed agitazione. Il 79% è molto preoccupato e agitato e solo il 7% afferma di riuscire ad essere tranquillo.

“Ansia e stress sono diretta conseguenza dell’incertezza – afferma Alessandro De Carlo, psicologo e docente universitario a Padova e alla Giustino Fortunato di Benevento– la pandemia ha tolto certezze fondamentali e questo porta la gran parte delle persone a sentirsi smarrite. E’ importante però sottolineare che non si tratta di patologia ma di una fisiologica, “normale” reazione a una situazione straordinaria”.

De Carlo (che durante il primo lockdown, ha trattato l’ansia e lo stress di medici e infermieri degli ospedali Covid con la realtà virtuale, ottenendo risultati sorprendenti con l’abbassamento degli stati ansiosi di oltre il 50%) ha lanciato l’app Sygmund, lo psicologo on demand. Al protocollo scientifico hanno collaborato docenti e ricercatori di diversi atenei italiani, che tuttora fanno parte del Comitato Tecnico Scientifico

Online operano più di 400 professionisti iscritti all’albo degli psicologi.

Con un clic ci si collega e in tempo reale e si può parlare subito con uno psicologo in videochiamata.

“Sygmund è una piattaforma nata per dare una risposta alle esigenze e alle necessità degli italiani sul fronte del disagio psicologico. Ci si confronta con uno psicologo, con cui poi si deciderà se effettuare un percorso da cinque oppure otto sedute. E’ un counseling psicologico che permette di affrontare problemi come ansia, stress e paure”.

“L’idea della piattaforma è nata prima della pandemia, ma ci siamo trovati a dover affrontare questa emergenza. Per esempio, le richieste di supporto relative allo stress legato alle “normali” pressioni sul lavoro, alle criticità legate alle dipendenze, alle difficoltà sociali, problemi che durante i periodi di normalità sono i più trattati e affrontati, sono estremamente diminuite, salvo un piccolo ritorno durante l’estate, quando la tensione Coronavirus si è allentata. Ora per oltre il 90% dei casi riceviamo richieste d’aiuto legate alla nuova fase emergenziale, sono persone che hanno paura di contagiarsi, di andare a lavorare, addirittura temono di compromettere i rapporti familiari. E’ una realtà nuova alla quale però noi psicologi siamo preparati, ed è fondamentale dare delle risposte concrete per non compromettere una situazione già fragile”.

“Il supporto psicologico – conclude De Carlo – può fare molto in questi casi: non si tratta di interventi che fanno sparire il problema a monte, ovviamente, ma lo rendono più interpretabile e gestibile. Inoltre è fondamentale intervenire per ridurre le conseguenze psicologiche di questo periodo a medio e lungo termine, che rischiano di essere un peso per il paese e la società, oltre ovviamente che per la salute dei singoli, negli anni a venire”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *