PR & Influencer

Centro della Famiglia: incontro sulle politiche sociali a sostegno della famiglia

Al meeting hanno partecipato Sonia Brescacin, Presidente della Quinta Commissione in Consiglio Regionale per la Salute e il Sociale, Gloria Tessarolo, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Treviso, e Marco de Sabbata, Direttore provinciale INPS Treviso

Oggi, venerdì 12 marzo, Sonia Brescacin, Presidente della Quinta Commissione in Consiglio Regionale per la Salute e il Sociale, ha fatto visita al Centro della Famiglia di via San Nicolò 60 per un confronto sulle politiche familiari, anche a livello locale, con la direzione dell’Istituto di Cultura e di Pastorale della Diocesi di Treviso. Ad accoglierli, Don Francesco Pesce, Presidente del Centro della Famiglia, e il Direttore Adriano Bordignon. All’incontro sono intervenuti anche Gloria Tessarolo, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Treviso, e Marco de Sabbata, Direttore provinciale INPS Treviso.

“Con il protrarsi della crisi pandemica gli interventi a sostegno delle famiglie sono sempre più urgenti e la Legge Regionale 20/2020 può rappresentare una chiave di volta – commenta Adriano Bordignon del Centro della Famiglia –. Si tratta di una legge che nel suo impianto affronta diversi punti per i quali ci battiamo da anni, come un più ampio e integrato sistema di politiche strutturali a sostegno della genitorialità e della natalità. Abbiamo grandi aspettative per il pieno sviluppo di questa norma, affinché sia data concretezza alle progettualità di riconoscimento, tutela e promozione del valore e della funzione sociale della famiglia.
Le famiglie stanno affrontando una fase molto complessa, di incertezza ed insicurezza su presente e futuro. Hanno anche dimostrato di essere la più grande risorsa dei nostri territori affrontando la crisi pandemica con grande resilienza, sostenendo gli operatori sociosanitari al ritorno a casa dopo giornate faticosissime, la questione educativa e della dad, il supporto ai più anziani e più fragili, la crisi del lavoro e delle imprese”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *