PR & Influencer

BREITHORN OPEN 2021: Moreno Pesce con Fondazione Mazzola e Sportfund fondazione per lo sport Onlus, punta ai 4.165m. del BREITHORN Breuil – Cervinia / Plateau Rosa / Breithorn 30 giugno -1 luglio nuovo tentativo per l’atleta paraolimpico

Moreno Pesce, ha ancora addosso la profonda emozione della recente salita ed obiettivo raggiunto alla Capanna Margherita /Monte Rosa insieme ai compagni del Team 3Gambe e alle guide alpine, che hanno reso possibile, il primo 4.000 di questi atleti amputati, che affrontano salita e discesa con protesi transfemorali.

Moreno Pesce non riesce a stare fermo, la montagna lo chiama e lui guarda quindi al prossimo obiettivo forte della preparazione acquisita, puntando all’obiettivo del Breithorn, 4.165m. Doveva essere affrontato già a maggio (19 e 20 maggio scorso) rimandato poi per motivi di sicurezza, a causa delle avverse condizioni meteo. Come abitudine consolidata, Moreno Pesce affronta questo nuovo confronto con la grande montagna, contando sulla collaborazione di un team di professionisti che sono insostituibili per puntare ad obiettivi sempre più impegnativi.

L’atleta veneto di Auronzo di Cadore, Fondazione Mazzola e Sportfund fondazione per lo sport Onlus hanno individuato le giornate comprese tra il 30 giugno ed il 1 luglio come le giornate utili per affrontare la salita al Breithorn, meteo permettendo.

 

PROGRAMMA

  • 1° Giorno/30 giugno 2021

partenza da Breuil-Cervinia e salita in funivia a Plateau Rosà. Pernottamento al Rifugio Guide del Cervino (3.480 mt).

  • 2° Giorno 1 luglio 2021

tentativo salita  al Breithorn (4.165 mt) e successiva discesa

 

Il team di salita sarà composto da:

  • Jules Pession (guida)
  • Moreno Pesce
  • Carlo Mazzola (accompagnatore)
  • Alberto Benchimol
  • Jacobo Bernard (videomaker)

 

 

PROGETTO

Il progetto alpinistico Breithorn Open 2021 nasce dalla collaborazione tra Moreno Pesce, Fondazione Mazzola e Sportfund fondazione per lo sport Onlus.

 

Partner tecnici

Funivie Cervino SpA, Osprey (zaini) e Team3Gambe

 

OBIETIVI di BREITHORN OPEN 2021

La montagna costituisce un ambiente poco accessibile per definizione e può essere usata per rappresentare simbolicamente le problematiche che una persona in condizione di disabilità si trova a vivere nel suo percorso di vita. Il progetto intende lanciare un messaggio di inclusione e di avviamento allo sport attraverso un’idea semplice. Un team, composto da persone con e senza disabilità, affiancate da guide professioniste, collabora per un comune obiettivo: raggiungere la vetta – quella del Breithorn.

Breithorn Open 2021 si fonda sui seguenti punti cardine; obiettivi che sono anche il fulcro dei progetti in montagna di Moreno Pesce:

  1. la motivazione a raggiungere nuovi obiettivi
  2. misurare le proprie capacità e limiti
  3. la preparazione tecnica
  4. il lavoro in team
  5. la valutazione delle proprie capacità in base alle condizioni

 

MESSAGGIO

Moreno Pesce vuole dimostrare che nella vita non ci sono ostacoli o limiti che non possono essere superati. La forza di volontà, l’allenamento, il team, sono gli strumenti necessari per rendere la disabilità motoria come la sua, una stimolante opportunità anche in montagna.

Quindi la disabilità non è mai un limite, ma è un mezzo per dimostrare che i traguardi anche quelli più impegnativi oltre una certa quota sono raggiungibili.

Inclusione, avviamento allo sport, metodica e forza del gruppo sono i cardini di questo nuovo confronto con il Breithorn.

 

CHI E’ MORENO PESCE

Moreno è un atleta paralimpico, amputato transfemorale, a causa di un incidente motociclistico, con un’infinita passione per la montagna. Un uomo di grande cuore e passione sportiva capace di coinvolgere altri atleti come lui e renderli parte di progetti dove lo sport, l’amicizia, il confronto ed il legame umano sono un motore ad alta propulsione capace di superare il limite oggettivo che ogni disabilità porta con sé.

 

 

La salita al Breithorn è il campo di prova perfetto dopo il Monte Rosa, per tutto quest’insieme di valori ed obiettivi.

Insostituibile il ruolo delle guide alpine legati alla stessa corda di Moreno Pesce.

 

“Quello che mi piace di più è proprio che il mio passo in salita e soprattutto in discesa diventa il loro, ogni movimento è una prova e ci vuole tutta la loro professionalità per rendere possibile ad un atleta come me questa sfida con la montagna”.

 

 

“Raggiugere i 4.165m. del Breithorn – ha dichiarato Moreno Pesce – sarà ancora una volta una gioia profonda, una liberazione che solo chi ha vissuto cercando di oltrepassare i pregiudizi, per dimostrare che nessuna disabilità può fermare la forza di volontà. La disabilità è solo negli occhi di chi guarda, mai nei miei!”.

 

www.morenopesce.it

www.fondazionemazzola.it

www.sportfund.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *