PR & Influencer

Al via 11 nuovi progetti del Crowdfunding Civico di Venezia, l’iniziativa dedicata al terzo settore per cofinanziare idee innovative e sostenibili rivolte ai cittadini

 

 

Sono online i nuovi progetti selezionati dal secondo bando del Crowdfunding Civico di Venezia. Se la raccolta fondi arriverà a coprire almeno il 50% del costo complessivo, il Comune interverrà per la rimanente quota, fino ad un massimo di 5000€ a progetto

 

Venezia, 10 Ottobre 2022 – Sono ufficialmente partiti su Produzioni Dal Basso – prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation – 11 nuovi progetti selezionati all’interno della seconda edizione del bando del Crowdfunding Civico promosso dall’Assessorato alla Coesione Sociale del Comune di Venezia.

 

Alla conferenza stampa tenutasi oggi, sono intervenuti Simone Venturini, Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Venezia, Danilo Corrà, Direttore della Direzione Coesione Sociale, Michele Testolina, Responsabile Servizio Programmazione e sviluppo sistemi di welfare e Angelo Rindone, Fondatore e CEO di Produzioni dal Basso.

Nell’incontro è stato fatto un focus sulla prima edizione del Crowdfunding Civico del 2021 che ha rilevato un’alta partecipazione del no profit cittadino, con 11 organizzazioni selezionate dal Comune di Venezia che hanno preso parte al programma di iniziative offerto dal Bando stesso, beneficiando di una formazione di 25 ore. L’edizione del 2021 ha visto 7 progetti raggiungere il target del 50% di finanziamenti, grazie alle donazioni di 474 cittadini, con € 37.638 euro donati complessivamente dalla cittadinanza e € 30.608 euro di risorse messe a disposizione dal Comune di Venezia

 

“Attraverso il Crowdfunding civico – commenta l’Assessore Venturini – abbiamo messo a disposizione dei cittadini e del terzo settore uno strumento innovativo per il finanziamento di progetti utili alla collettività.

 

Grazie alla formazione specifica di altissimo livello, che è stata garantita agli enti e alle associazioni che hanno superato la selezione, sono state create le condizioni per accompagnare le realtà del terzo settore cittadino in un percorso di valorizzazione e finanziamento finalizzato al raggiungimento dell’autonomia nella realizzazione delle iniziative proposte.

 

L’Amministrazione si conferma ancora una volta in prima linea per sostenere il mondo associativo veneziano e rafforzare nuove forme di collaborazione per interpretare al meglio i bisogni della Città”.

 

Ecco, nel dettaglio, quali sono gli 11 nuovi progetti selezionati:

 

Le cicatrici d’oro – Ricomporre i frammenti di sé (AMICI DI CASA FAMIGLIA ONLUS)

Il progetto prevede l’accoglienza e l’ascolto di giovani e adulti, offrendo uno spazio e un sostegno psicologico e di mutuo aiuto, con l’obiettivo di favorire l’integrazione dei soggetti a rischio per prevenire eventuali situazioni di disagio. Verranno proposti degli interventi specifici rivolti agli adolescenti, appartenenti alla fascia d’età maggiormente colpita e destabilizzata dai lunghi periodi di isolamento sociale. Lo scopo delle attività proposte è quello di favorire il confronto tra pari ed il sostegno di gruppo, attraverso attività corporee e di ascolto di sé.


Ben-essere della comunità oltre le dipendenze (ASSOCIAZIONE CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI- ACAT MESTRE)

Il progetto prevede la realizzazione del corso di sensibilizzazione sul tema delle fragilità connesse all’uso di sostanze finalizzato all’apertura di 3 Club Alcologici Territoriali . Verranno affrontati contenuti riguardanti le fragilità dei giorni nostri, come l’abuso di sostanze, comportamenti sbagliati e altre dipendenze che causano sofferenza nelle relazioni con l’altro.

 

Insieme nella stessa barca (Fondazione Avapo Mestre)

La campagna intende garantire un aiuto concreto alle persone colpite da tumore al seno grazie a un percorso di riconciliazione con il proprio nuovo aspetto fisicoin seguito agli interventi di chirurgia plastica. Il progetto offre inoltre sostegno psicologico e interventi qualificati che vanno a rispondere a bisogni diversi da quelli strettamente sanitari. Si intende evitare così l’insorgenza del senso di isolamento, solitudine ed emarginazione sociale, così da favorire il percorso di guarigione nel senso più ampio, in continuità con le cure sanitarie.

 

Metti in circolo i diritti! (SOS Diritti)

Il progetto punta ad aiutare le persone – soprattutto quelle più fragili e meno tutelate – ad avere consapevolezza dei propri diritti, a trovare risposta ai loro bisogni e poter sviluppare il loro “potenziale”. Il progetto prevede uno sportello informativo e di orientamento e quattro laboratori per adulti e bambini: alfabetizzazione informatica, arteterapia, prevenzione di bullismo e cyber-bullismo e sostegno alla genitorialità.

 

Venice Calls for Plastic Revolution (Venice Calls Aps)

Un Laboratorio di riciclo per costruire oggetti di pubblico utilizzo in plastica riciclata, per la città di Venezia e per i suoi abitanti, coinvolgendo i cittadini sui temi della sostenibilità ambientale ed economia circolare. Il focus del progetto è costruire come primo oggetto una panchina in plastica riciclata raccogliendo i rifiuti spiaggiati e  la plastica del vicinato.

 

Officina dei diritti digitali (Acli Provinciali Venezia)

Il progetto ha come scopo l’attivazione di uno sportello di assistenza digitale e dei corsi di alfabetizzazione digitale a favore delle fasce più fragili di popolazione, al fine di promuovere e rafforzare la capacità di accedere ed utilizzare autonomamente i servizi online rivolti alla cittadinanza. Il progetto mira a favorire l’accesso ai servizi online da parte di categorie fragili, prive di competenze o attrezzature informatiche adeguate e promuoverà occasioni di cittadinanza attiva e di volontariato, dando la possibilità a singoli cittadini di mettere le proprie competenze a servizio della comunità.

 

Da capo a piedi: un nuovo mood per il corpo (A.S.D. Assokere)

Un progetto pilota che consiste nell’offrire a tutti l’opportunità di fare sport, di sviluppare nuove reti sociali e imparare che la pratica sportiva è anche un importante strumento di prevenzione per la propria salute. Prevede l’organizzazione di attività motorie-sportive in gruppi, incontri a tema con professionisti del settore e la creazione di strumenti online in una piattaforma dedicata.

 

Hai proprio un bel caratterino! Imparare la piccola editoria d’arte (Bottega del Tintoretto)
Tramandare, con pratiche laboratoriali, la tradizione della stampa tipografica, evidenziando come il mestiere dello stampatore tradizionale sia alla base delle moderne tecnologie digitali. Si tratta di un corso formativo rivolto ai giovani, che fornisce conoscenze e competenze della stampa artigianale. Il progetto si propone di costruire una modalità di trasmissione dei saperi artigianali, per ripopolare il mondo delle Botteghe delle arti e dei mestieri, ricostituendo, come nelle antiche stamperie veneziane, una collaborazione tra artigiani, artisti e letterati.

 

Marghera For Kids (Ass. Volontari del Fanciullo)

Creazione di una rete di relazioni nel territorio di Marghera a misura di bambino, attraverso visite guidate e incontri programmati, alla scoperta di Marghera dal punto di vista storico, culturale, paesaggistico. Il progetto intende accompagnare 10 bambini (fascia d’età 4 -13 anni) che frequentano Casa Nazareth Amicizia, spazio ludico-ricreativo dell’Associazione Volontari del Fanciullo, nella conoscenza del territorio in cui risiedono: Marghera.

VE.C.I. – Learn Together Learn Better  (APS Passacinese)

L’obiettivo generale del progetto è quello di garantire un’educazione di qualità, equa e inclusiva per tutti, contrastando fenomeni di povertà educativa, in particolare tra i minori di origine straniera, che evidenziano difficoltà nell’apprendimento della lingua stranieraattraverso attività extra-scolastiche di supporto all’apprendimento, attività di supporto linguistico e attività interculturali per favorire il riconoscimento sociale.

Social District (Ass I Celestini)

Progetto di rigenerazione urbana che mira alla realizzazione di uno spazio da abilitare come servizio per la comunità e il territorio presso il Centro Sportivo Montessori, che ospiterà attività finalizzate all’inclusione della cittadinanza e delle fasce deboli nel territorio. L’idea è creare un luogo d’incontro, soprattutto per bambini e giovani, aperto ad associazioni e realtà sociali del territorio.

 

 

L’iniziativa del crowdfunding civico del Comune di Venezia si inserisce nell’ambito del programma “La città SIcura di sé”, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il programma operativo Pon Metro, tramite il quale il Comune intende sostenere e accompagnare la realizzazione di progetti innovativi e sostenibili, in grado di rispondere ai bisogni della città e dei suoi abitanti. Se attraverso la raccolta fondi verrà raggiunto il traguardo di almeno il 50% dei costi del progetto, il Comune interverrà coprendo la rimanente quota fino ad un massimo di  5.000 euro a progetto.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *