PR & Influencer

VINO, MASI: CONTE FEDERICO RISERVA BRUT 2012 CONTI BOSSI FEDRIGOTTI CONQUISTA I TRE BICCHIERI DEL GAMBERO ROSSO

Si aggiudica Tre Bicchieri nella Guida Vini d’Italia 2018 del Gambero Rosso il Trentodoc Conte Federico Riserva Brut 2012 Conti Bossi Fedrigotti, lo spumante che celebra la decennale collaborazione tra lo storico casato trentino e Masi Agricola.

Per Isabella Bossi Fedrigotti: “Questo riconoscimento al nostro Conte Federico Riserva celebra l’incontro tra una cultura enologica ultracentenaria e le più attuali tecniche di vinificazione, nel segno immutato della passione per la viticoltura”. “L’annata 2012 – commenta Raffaele Boscaini, responsabile del Gruppo Tecnico Masi – porta a compimento il progetto di realizzare uno spumante dalla buona struttura, ma con eleganza e personalità. Una personalità che è maturata in sei vendemmie grazie alla professionalità, perseveranza e pazienza di un team di lavoro che ha saputo trasformare il ricordo di poche centinaia di bottiglie prodotte dai Conti per autoconsumo in uno spumante inconfondibile”.

Il Conte Federico Riserva Brut 2012 è giallo paglierino brillante con tenue riflesso verdognolo, ha una spuma fine e vivace e perlage elegante e persistente. Fresco in bocca, è caratterizzato da una buona morbidezza e dal finale secco e con note di nocciola, mentre al naso suggerisce profumi complessi che evidenziano eleganti note di crosta di pane, seguite da fiori bianchi e note fruttate.
MASI AGRICOLA:

Masi è produttore leader di Amarone e da sempre interpreta con passione i valori delle Venezie.

La sua storia inizia alla fine del XVIII secolo, quando la famiglia Boscaini acquista pregiati vigneti nella piccola valle denominata “Vaio dei Masi”, nel cuore della Valpolicella Classica. Da oltre quarant’anni ha avviato un ambizioso progetto di valorizzazione di storiche tenute vitivinicole, collaborando con i Conti Serego Alighieri, discendenti del poeta Dante, proprietari della tenuta che in Valpolicella può vantare la più lunga storia e tradizione, e con i Conti Bossi Fedrigotti, prestigiosa griffe trentina con vigneti in Rovereto. Masi possiede inoltre le tenute a conduzione biologica Poderi del Bello Ovile in Toscana e Masi Tupungato in Argentina. Masi ha un’expertise riconosciuta nella tecnica dell’Appassimento, praticata sin dai tempi degli antichi Romani, per concentrare colore, zuccheri, aromi e tannini nel vino, ed è uno degli interpreti storici dell’Amarone: il suo presidente, Sandro Boscaini, rappresenta la sesta generazione della famiglia che ha contribuito a creare con questo vino un’eccellenza italiana Oggi Masi produce cinque diversi Amaroni, la gamma più ampia e qualificata proposta al mercato internazionale.

Sandro Boscaini riveste attualmente la carica di Presidente di Federvini, Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori e Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti e affini.

www.masi.it


 

 
Tipologia Trento D.O.C. Riserva metodo classico.
Origine Vigneti situati a Rovereto in zona fortemente vocata alla produzione di uve per spumante. Terreni caratterizzati da buon contributo in calcare e medio drenaggio; sono privilegiati quelli in quota pedemontana al di sopra dei 250 metri s.l.m. con esposizione sud-est.
Vitigni 60% Chardonnay , 40% Pinot Nero.
Vinificazione Raccolta a mano precoce per avere una perfetta integrità sanitaria e un ideale corredo acido. Pressatura con aggiunta di ghiaccio secco per preservare la freschezza degli aromi ed ottenere un primo abbassamento di temperatura. Dopo la decantazione di 18 ore, si esegue l’inoculo del lievito selezionato per svolgere la fermentazione a 14 °C. Segue la malolattica. Fino a giugno il vino permane su fecce fini in serbatoio d’acciaio, dopodiché viene travasato. Dopo l’assemblaggio del Pinot Nero con lo Chardonnay, la base spumante viene imbottigliata con una quantità di zuccheri che permette di svolgere circa 2% alcool ed ottenere una pressione in bottiglia pari a circa 6 atm, tramite lieviti Saccaromyces Bayanus. La permanenza sui lieviti è di almeno 36 mesi. Segue il remuage, che dura circa 6 settimane, e infine la sboccatura con l’aggiunta della liqueur.
Permanenza sui lieviti Minimo 36 mesi.
 
Vendemmia 2012 In Trentino la stagione nel complesso è stata favorevole, anche se le piogge che hanno caratterizzato i mesi primaverili hanno creato in alcune zone qualche problema nella difesa fitosanitaria. Mentre per i vitigni a bacca rossa non si sono riscontrati ammanchi di produzione, per le varietà di pregio quali Pinot Grigio, Chardonnay e Gewürztraminer, le condizioni anomale verificatisi durante la fioritura hanno indotto una certa colatura dei fiori, a vantaggio indubbio della qualità ma a scapito della quantità che in alcuni casi ha registrato ammanchi del 25-30% di prodotto. La vendemmia delle varietà Pinot Nero e Chardonnay è iniziata nell’ultima decade di agosto. Buone le gradazioni zuccherine rilevate mediante campionatura in vigneto ed altrettanto elevato il livello dell’acidità totale.
Note organolettiche Colore giallo paglierino brillante con tenue riflesso verdognolo. Ha una spuma fine e vivace e perlage elegante e persistente. Profumi complessi che evidenziano eleganti note di crosta di pane, seguite da fiori bianchi e note fruttate. Fresco in bocca, caratterizzato da una buona morbidezza e dal finale secco e con note di nocciola.
Abbinamenti Perfetto come aperitivo o per festosi brindisi, accompagna piacevolmente le crudité e le marinate di pesce, in particolare il salmone affumicato. Ottimo anche con i fritti, di verdura o di mare, pinzimonio e insalata di pollo.
Dati di analisi Alcool 12.67% vol., zuccheri 3.5 g/l, estratto secco 19.2 g/l, acidità totale 5.70 g/l, pH 3.28.
 
 
La famiglia dei Conti Bossi Fedrigotti vive in Trentino da quasi 600 anni e da oltre 300 coltiva la vite con amore e professionalità. Nelle tante generazioni dei Bossi Fedrigotti viticoltori, spicca la figura intraprendente e lungimirante del Conte Federico, padre degli attuali proprietari, che cinquant’anni fa ha creato il Fojaneghe, primo taglio bordolese in Italia, ancor oggi icona del nobile casato, e che ha dato grande slancio alla produzione dei vini dell’azienda. Al suo nome dunque è dedicato lo spumante Trento Riserva Doc Metodo Classico, prodotto che completa la gamma della nobile e storica famiglia.
 
GRUPPO TECNICO MASI  – Luglio 2016
Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *