PR & Influencer

Nasce da antichi vitigni cresciuti nei suoli Vulcanici il nuovo Dilante di Maeli, cuore e sensi allo stato puro

A giorni Maeli presenterà un nuovo vino audace e maliardo, scegliendo la ricorrenza di San Valentino per dipingere di rosa le attese di clienti e winelover.

Dilante non è solo un ossimoro cromatico tra Corbina Nera e Marzemina Bianca, due varietà autoctone ormai scomparse del distretto Euganeo e recuperate grazie ad un progetto di valorizzazione del territorio di cui Maeli si fa interprete entusiasta, ma ne è l’ardito connubio. Da sempre attenta sostenitrice del recupero, dello sviluppo e della promozione del Moscato Giallo in tutte le sue declinazioni, Maeli questa volta ha infatti deciso di alzare ulteriormente il tiro, concentrandosi per la prima volta su un vino rosato. Siamo comunque nel territorio del Colli Euganei, area di origine vulcanica e patria di vini con caratteristiche ben peculiari e oggi molto apprezzati.

Dilante è un rosé che nasce da vigne che hanno fino a 50 anni e che affondano le loro radici sulla scaglia rossa di trachite vulcanica del Colle Gemola a Baone, nei pressi della cantina. E’ un vero vino vulcanico. Imbottigliato con i propri lieviti e rifermentato in bottiglia secondo il metodo ancestrale, questo vino vivace e brillante è stato allevato da Elisa Dilavanzo e dalle donne di casa Maeli come un bambino, in una sorta di nursery appositamente allestita per il monitoraggio costante e appassionato della sua fermentazione.

Dilante è tagliente, lo suggerisce il nome stesso, sfida il palato con un approccio aspro ma poi lo accarezza con petali di rosa al naso e lo delizia con bacche rosse selvatiche e melograno in bocca, di ritorno al primo sorso, il tutto su uno sfondo lievemente amaricante di pompelmo rosa. La scia, sapida e salina, è un fedele tributo al territorio e invoglia alla beva: questo è un vino che intriga ma si concede al punto giusto, tenace e misterioso come il suo terroir.

 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *