PR & Influencer

Da oggi la Quercia di Dante in virtual tour

Ancora pochissimi giorni e le porte di Palazzo Roncale riapriranno i battenti per chi è in attesa di visitare la mostra dedicata a “La Quercia di Dante” e l’omaggio al Divin Poeta proposto dalla mostra “Visioni dell’Inferno. Dorè, Rauschenberg, Brand”.
Ma già da oggi, per prepararsi alla visita o per chi non potrà ammirarla che da remoto, nel sito di Palazzo Roverella (www.palazzoroverella.com) è a disposizione il virtual tour della doppia rassegna.
Quattro le sezioni, una per ciascuna area di mostra, che si possono aprire visualizzando la panoramica delle sale e nel dettaglio i singoli gruppi di opere o i reperti in mostra.
Le immagini ravvicinate compaiono affiancate da un testo sintetico e descrittivo del contesto.
In più, il visitatore ha a disposizione brevi video nei quali Alessia Vedova, co-curatrice della mostra, illustra i tre artisti coinvolti (Gustave Dorè, Robert Rauschenberg e Brigitte Brand) o altri aspetti peculiari dell’esposizione.
Il virtual tour è una iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, istituzione che ha promosso la mostra allestita al Roverella.
“La Quercia di Dante” ha sollevato un interesse molto ampio, persino inatteso. Interesse tuttavia “frustrato” dalla quasi immediata chiusura dell’esposizione a causa del Coronavirus.
Tra pochi giorni le sale di Palazzo Roncale potranno tornare ad accogliere i visitatori e già è stato deciso che la mostra sarà prorogata sino a metà luglio. Non solo: sarà nuovamente visitabile a partire dal 19 settembre, in concomitanza con l’apertura nell’attiguo Palazzo Roverella della grande monografica su Chagall, sino al 17 gennaio 2021. Entrando così nell’Anno che l’Italia e il mondo dedicano al ricordo di Dante.

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *