PR & Influencer

VINYL, storie di dischi che cambiano la vita”

Morellini Editore riscopre – e celebra – il valore del disco in vinile e della sua potenza sonora ed evocativa con la nuova uscita a esso dedicato: da oggi in libreria “VINYL Storie di dischi che cambiano la vita. 22 racconti inediti” a cura di Luca Martini e Gianluca Morozzi, per la collana dedicata ai racconti ‘I minolli’.

L’antologia raccoglie i testi di: Alberto Andreoli Barbi, Antonio Bendini, Alessandro Berselli, Daniela Bortolotti, Massimo Cotto, Patrick Fogli, Alen Grana, Massimo Laganà e Vito Ribaudo, Claudio Morandini, Massimo Padua, Francesco Palmisano, Monica Pareschi, Alberto Petrelli, Francesca Presti, Alessio Romano, Alessandra Sarchi, Alessio Schreiner, Francesca Scotti, Roberto Sturm, Heman Zed, oltre a quelli dei due curatori.

Che sia The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd, Cold Fact di Sixto Rodriguez, o Made in Heaven dei Queen, ciascuno di noi ha almeno un disco da eleggere a colonna sonora della sua esistenza. Ascolti che riescono a risvegliare emozioni e suggestioni profonde, facendoci sentire vivi e vibranti come le corde di uno strumento. Meglio ancora se sprigionati dal giradischi.
Ventitré autori italiani si propongono di mostrare in questa antologia come la potenza del vinile può generare cambiamenti, deviazioni di percorsi, riavvicinamenti inaspettati o dolorose partenze. Appoggiandosi al nostalgico ricordo del suo primo ascolto, consumandolo per tornare indietro e provare a erodere il tempo che è passato,
per cementare un’amicizia o per distruggere un amore, ciascun disco segna il cambiamento nelle vite dei protagonisti, come un confine indelebile tra parole mordaci di cantautori italiani, chitarre arroventate, melodie decadenti new wave o eleganti sonorità di arie classiche.
Qualsiasi sia la storia, l’infrangibile verità di ognuno è che alla fine la musica ti cambia la vita perché sei tu che cambi grazie a lei.

La prima presentazione dell’antologia si terrà venerdì 27 ottobre, ore 18.30 presso Vini/le soundsfood di Bologna in via San Gervasio 6/ef con musiche tratte dai racconti e suonate con vinili dal dj Piero Casanova, special guest Eddie Piller.
Saranno presenti alla serata gli autori: Alberto Andreoli Barbi, Antonio Bendini, Daniela Bortolotti, Alen Grana, Luca Martini, Gianluca Morozzi, Francesco Palmisano, Monica Pareschi, Alberto Petrelli, Francesca Presti, Alessio Romano, Vito Ribaudo, Alessandra Sarchi, Heman Zed insieme all’editore Mauro Morellini. 
La serata proseguirà fino a notte fonda con dj set di Doctor Robert e Gionni Paludi.

I fan di Eddie Piller potranno seguire il dj londinese fondatore della mitica etichetta “Acid Jazz Records” da NERO factory in vicolo del Broglio 1/f insieme a Piero Casanova.

I RACCONTI

1. Make It Big di Alberto Andreoli Barbi
2. Street Hassle di Antonio Bendini
3. Demons and Wizards di Alessandro Berselli
4. Racconto di Natale di Daniela Bortolotti
5. In quegli anni di Massimo Cotto
6. Tutto quello che sarà di Patrick Fogli
7. I Hate Myself and I Want to Die di Alen Grana
8. Un bacio davanti a quel portone di Massimo Laganà e Vito Ribaudo
9. Regalo di Natale di Luca Martini
10. Salmi e dinosauri di Claudio Morandini
11. The Lamb Lies Down on Broni (PV) di Gianluca Morozzi
12. L’uomo-macchina nel giardino dell’Eden di Massimo Padua
13. 57 e 13 sulla ruota di Bari di Francesco Palmisano
14. Troppo amore uccide di Monica Pareschi
15. Velvet Pappalardo e la sconfitta del metallo di Alberto Petrelli
16. È solo un vinile di Francesca Presti
17. L’uomo dello zucchero di Alessio Romano
18. Valzer viennesi di Alessandra Sarchi
19. Shareef Don’t Like It di Alessio Schreiner
20. Selvagge oscillazioni di Francesca Scotti
21. Zingari (in)felici di Roberto Sturm
22. 4-pieces drum kit di Heman Zed

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *