PR & Influencer

Veneto Cable Park: fino domani ospite la nazionale di wakeboard che si allena per i campionati di Europa Africa. Scelto per gli allenamenti l’impianto di Resana perché unico in italia a “girare” in senso orario.

E’ iniziato il conto alla rovescia: è atteso per venerdì l’arrivo della nazionale italiana di wakeboard presso il Veneto Cable Park di Resana, il nuovo “fullsize cable wake park” situato sul lago privato di Boscalto a Resana in provincia di Treviso e ai confini con quella di Padova
La squadra diretta dai tecnici Ludovico Vanoli e Alberto Della Beffa ha scelto l’impianto trevigiano per compiere gli allenamenti in vista dei campionati di Europa ed Africa in programma ad El Gouna in Egitto dal 25 novembre al 2 dicembre.

Difendere il secondo posto ottenuto all’ultimo mondiale di wakeboard categoria open: è questo l’obiettivo con qui la Nazionale Italiana di Wakeboard si presenta ai campionati di Europa ed Africa in programma ad El Gouna in Egitto dal 25 novembre al 2 dicembre.
Una competizione che la Federazione Italiana Wakeboard e Sci Nautico ha voluto che i rider preparassero presso il Veneto Cable Park di Resana, il nuovo “fullsize cable wake park” situato sul lago privato di Boscalto a Resana in provincia di Treviso e ai confini con quella di Padova.

Per tre giorni, fino domani, la squadra diretta dai tecnici Ludovico Vanoli e Alberto Della Beffa si sta allenando nell’impianto strutturato come circuito con le caratteristiche internazionali. 

Presenti la giovanissima Claudia Pagnini che per la terza volta è diventata campionessa italiana assoluta 16 anni ottenendo il bronzo alla 47ma Coppa del mondo, Shangai Cina dello scorso 2-4 ottobre ed il padre Emanuele Pagnini, atleta disabile che pratica Cable Wake seated (sul seggiolino). A giugno ha vinto il Golden Trophy di Bratislavaed è campione del mondo e campione europeo di categoria, titoli vinti nel 2016. E’ stato insignito della Medaglia d’oro al valore atletico  dal CONI  per i risultati del 2016.

Presenti anche Noah Gessi (Ravenna, campione italiano assoluto 16 anni junior), Leonardo Gatti (Ancona, 17 anni, junior), Alessandro D’Agostino (Pescara, 12 anni), Daniele D’Agostino (Pescara, 13 anni), Elisa Costanzo (Verona, 35 anni), Fabrizio Cicerale (Torino, 31 anni), Rolando Fociani (Padova, 43 anni), Piero Pierani (Ancona, veterans). A questi atleti di aggiungono anche altri tre agonisti invitati ed in osservazione per l’eventuale partecipazione ai campionati di europa: Giorgia Francescato Padova (28 anni), Luca De Togni Verona (37 anni), Anna Campoli Roma (32 anni).

 Spiega uno dei tecnici della nazionale, Ludovico Vanoli: “Ci presentiamo a Gouna tra qualche settimana con l’obiettivo di difendere il secondo posto come squadra ottenuto a livello europeo e il secondo per la categoria open ottenuto al mondiale. La scelta di svolgere gli allenamenti al Veneto Cable Park di Resana non è casuale. In Egitto, infatti, la gara avverrà presso un impianto full size che gira in senso orario e quello di Resana è l’unico impianto con queste caratteristiche disponibile in Italia. Per noi è l’occasione per metterci alla prova e preparaci al meglio campionari Europa Africa tant’è che tra qualche settimana ritorneremo per un altro week end di allenamenti”.

L’impianto di Resana è aperto sia per i principianti (con il sistema 2.0 ad un unico con andata e ritorno seguita da un assistente) che per i professionisti con il sistema creato da CablewakeSystem, dotato di cinque piloni (torri) che girano in senso orario, e può trainare fino a sette riders contemporaneamente in un circuito che si sviluppa su oltre 500 metri lineari dove sono alloggiati versi “ostacoli” per la passione di più esperti.

Aperto non solo in estate, ma tutto l‘anno, Veneto Cable Park accoglie anche chi desidera trascorrere qualche ora di relax. Un’apposita area del lago è stata infatti riservata alla balneazione, accompagnata da un’area spiaggia dotata di lettini e sdraio giochi per bambini e campi da beach volley, è ancora parzialmente praticabile la pesca sportiva.

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *