PR & Influencer

SABRINA, STORIA DI COME LA RESILIENZA BATTE LE AVVERSITA’ (E TI FA VIVERE MEGLIO)

“Mi piego ma non mi spezzo” è un caso editoriale. L’autrice veronese racconta la sua vita: era imprenditrice nell’azienda di famiglia, ora è scrittrice. Brunelli: “Consigli pratici per affrontare i problemi della vita, dalla famiglia al lavoro”. Selezionata tra 816 autori

La malattia, una di quelle che tutte le donne temono. Il destino, che spesso ti crea attorno un mondo che non rasserena fino in fondo. La resilienza e il coraggio delle scelte. È questa la storia di vita di Sabrina Brunelli, scrittrice veronese di 46 anni che sta avendo un successo nazionale con il suo libro d’esordio, “Mi piego ma non mi spezzo”. “Nell’ultimo anno tutto è cambiato per me”, racconta lei. “Ho deciso di lasciare le redini dell’azienda di famiglia e ripartire da zero. L’atteggiamento positivo infatti è importante per me, mi ha aiutato a superare molte difficoltà nella vita, a partire dalla malattia”.

Infatti, l’endometriosi da anni fiacca il cuore e il corpo di Brunelli. Una malattia cattiva, subdola: nasce dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero, cioè l’endometrio, in altri organi quali ovaie, tube, peritoneo, vagina o intestino. Ciò provoca sanguinamenti, infiammazioni croniche, aderenze ed infertilità. Ogni mese, sotto gli effetti degli ormoni del ciclo mestruale, il tessuto endometriale sanguina, causando un’irritazione dei tessuti circostanti.

Nella scrittura, Sabrina ha trovato uno strumento per guardare dentro sé stessa. L’ispirazione le è arrivata per destino, mentre frequentava un corso organizzato dalla casa editrice romana “Bruno Editore”. Dopo alcune settimane è stata selezionata tra gli 816 partecipanti e a febbraio ha pubblicato il suo libro sulla resilienza, che in pochi mesi è già diventato un caso editoriale.

“E’ stato un viaggio dentro di me, una sorta di auto-terapia, che mi ha portato a vivere un’avventura fatta di emozioni positive”, ha spiegato l’autrice. “Nel libro spiego come approcciare l’ambiente di origine, costruire una famiglia, affrontare il lavoro e la malattia e gestire la vita. Tanti lettori si riconosco nella mia storia e questo mi dà molte soddisfazioni a livello morale. Spesso si è delle persone resilienti senza rendersene conto, ma bisogna essere consci dei fatti che ci accadono durante la vita, vivendoli in maniera positiva”.

“Mi piego ma non mi spezzo” (104 pagine; formato Kindle a 9,99 euro; con copertina flessibile a 19,99 euro è acquistabile su Amazon o direttamente richiedendolo sulla pagina Facebook Sabrina Brunelli.

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *