PR & Influencer

Napoli, prosegue Bufala Fest sul Lungomare Caracciolo Dalla Cia grido d’allarme su sistemi idrici mai adattati in Italia  Settimana tutta da gustare con le ricette degli chef, spettacoli gratuiti e talk tematici

Napoli, 11 luglio 2022 – Dopo il primo week end all’insegna del gusto e dalla promozione dei prodotti della filiera bufalina, Bufala Fest si appresta a vivere una settimana, da oggi fino a domenica, ricca di ricette uniche da gustare nei 36 stand allestiti nel villaggio, spettacoli gratuiti con diverse icone della musica e della comicità italiana, oltre agli interessanti talk tematici che animeranno il Giardino delle Idee, una delle grandi novità di questa edizione.

Nella serata di ieri, infatti, si è svolto il convegno sul tema “La filiera bufalina e gli aspetti di ottimizzazione energetica ad essa collegati“, organizzato in collaborazione con la Cia – Conferenza Italiana Agricoltori. 

Non vedo un impegno serio da parte delle Istituzioni – ha affermato Gennaro Sicolo, Vice Presidente Nazionale Cia – Conferenza Italiana Agricoltori – di fronte ad un problema strutturale come quello della siccità, in particolar modo nel Mezzogiorno. Sono stati stanziati fondi per il Nord Italia perché non hanno acqua da qualche settimana, mentre noi al Sud è da secoli che conviviamo con questo problema. Noi agricoltori meridionali irrighiamo con le lacrime.  Occorre un progetto nazionale decennale per mettere l’agricoltura in condizioni di produrre, perché senza acqua non c’è coltivazione. Stiamo dialogando con il Governo, ma noto una certa disattenzione sui problemi reali dell’agricoltura del Paese ed una non piacevole abitudine a procedere con decreti tampone“.
Sul tema ha parlato anche Luigi Polizzi, Direttore Generale delle Politiche internazionali e dell’Unione Europea del Mipaaf“Oggi siamo qui – ha spiegato Polizzi – a confrontarci su una filiera molto dinamica e molto produttiva come quella bufalina che nell’ultimo decennio ha aumentato la propria produzione, guidata da un prodotto di punta come la mozzarella di bufala campana dop. Oggi stiamo attraversando un periodo alquanto difficile, sia per la crescita del costo delle materie prime, sia per l’aumento dei costi energetici. Forse abbiamo perso tempo negli anni nel dare autonomia energetica alle imprese, ma oggi con il Pnrr e contratti di filiera possiamo raggiungere una certa indipendenza. Per noi è una sfida importante, così come lo è per l’intero sistema, perché puntiamo a ridurre i costi e a dare delle risposte concrete ad una crisi che sicuramente durerà nel tempo. Infine, occorre ribadire che gli aumenti dei costi delle materie prime viene da lontano e si è acuito ulteriormente con l’inizio del conflitto“.
La zootecnia – ha concluso Raffaele Amore, Presidente Cia Campania –  è uno dei settori più colpiti dalla crisi ucraina, ma il comparto era alle prese con l’aumento dei costi già da prima del conflitto. Purtroppo, oggi registriamo una crescita vertiginosa dei prezzi delle materie prime e dell’energia che, in certi casi, sfiorano il 100%. Il Governo sta cercando di prendere dei provvedimenti, ma la coperta è corta, pertanto sono azioni lenitive, ma non risolutive. In materia di siccità, abbiamo richiesto azioni concrete perché ci troviamo di fronte ad un problema atavico che merita di essere risolto una volta per tutte. Bene il Pnrr, che in Campania ha finanziato una grande opera come la diga di Campolattaro, ma con queste risorse si dovrebbero finanziare anche piccole opere diffuse sui territori. Penso alla creazione di piccoli laghetti collinari, che hanno una duplice valenza: da un lato, consentono di mitigare i rischi di dissesti idrogeologici, e dall’altro permettono l’accumulo delle acque da poter utilizzare in agricoltura e zootecnia nei momenti su siccità“.
 
Domani, martedì 12 luglio, alle ore 19:30, il Giardino delle Idee ospiterà un interessante talk sul Tema: “Turismo enogastronomico: la Filiera Bufalina come volano per la promozione Turistica del Territorio“, organizzato dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania, nel corso del quale interverranno: Marisa Laurito in qualità di Madrina dell’evento; la Sen. Sandra Lonardo; Rosanna Romano, Direttrice Generale per le Politiche Culturali ed il Turismo – Regione Campania; Luigi Raia, Direttore Agenzia Regionale Campania Turismo; Franco Alfieri, Sindaco di Capaccio-Paestum (SA); Alfonso Golia, Sindaco di Aversa (CE); Giuliano Ciano, Portavoce Forum Nazionale Agricoltura Sociale – Fattoria Sociale Fuori di Zucca; Domenico Raimondo, Presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala DOP; Antonino Pace, Presidente Associazione Verace Pizza Napoletana; Sergio Miccù, Presidente Associazione Pizza Napoletana. Le conclusioni saranno affidate all’Assessore al Turismo ed alla Semplificazione della Regione Campania Felice Casucci.
A seguire, alle ore 20:45, incontro sul tema:  “Ristorazione sostenibile, le best practice che fanno la differenza”, organizzato in collaborazione con la Scuola di Cucina “Dolce&Salato”, nel corso del quale sono previsti gli interventi di: Sonia Re, Giornalista e direttrice APCI; Vincenzo Lamberti, Food manager; Chef Giuseppe Daddio, Direttore Scuola di Cucina “Dolce&Salato”; Luigi Franchi, Direttore della Rivista “Sala&Cucina”.
Quella di domani sera sarà una serata tutta da ridere all’insegna della comicità tutta partenopea, infatti, sul Palco di Bufala Fest, a partire dalle ore 21:30, si alterneranno Tony Tammaro e i Ditelo Voi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *