PR & Influencer

L’UTMB® e il suo impegno per l’ambiente attraverso la collaborazione con il WWF Francia

Nel 2017, l’organizzazione dell’UTMB® si è impegnata a fianco di altri 19 importanti organizzatori di eventi sportivi, per rispettare 15 impegni eco-responsabili dietro la spinta del WWF Francia e del Ministero dello Sport. Un’iniziativa acclamata e riconosciuta a livello nazionale dall’ONU in occasione dello “Sports for climate action” il 5 giugno 2019. Il WWF Francia, rappresentato da Isabelle Autissier e l’UTMB®, rappresentato da Catherine Poletti, desiderano consolidare la loro partnership in questo contesto di conciliazione tra l’ambiente e l’organizzazione di eventi.

Una partnership innovativa e concreta

UTMB® e WWF France formalizzano una partnership con l’obiettivo principale di riconciliare le attività legate ai sentieri con i meccanismi ambientali dei territori del Monte Bianco. Al di là del lavoro di riduzione dell’impatto ambientale dell’UTMB®, questa partnership vuole dimostrare che un grande evento internazionale può essere un esemplare promotore del rispetto per l’ambiente e partecipare allo sviluppo sostenibile del suo territorio.

5 aree di sviluppo nell’ambito della partnership
• Accompagnamento dell’UTMB® negli impegni assunti con il GESI
• Suggerimenti sulle azioni da attuare in seguito alla valutazione sul carbonio, che verrà effettuata durante l’UTMB® 2019
• Proseguimento dell’approccio innovativo ed esemplare dell’UTMB® nell’ambito dello sviluppo sostenibile
• Supporto dei corridori dell’UTMB® a favore di un progetto di protezione della biodiversità e della lince boreale. Questo progetto, che mira a proteggere questo felino in via di estinzione, beneficia anche dei fondi che il WWF Francia raccoglie dal Pandathlon, la sfida eco-sportiva che il WWF organizza il 29 e il 30 giugno all’Alpe d’Huez. Scopri il Pandathlon qui.
• Accompagnamento nella formazione degli ambasciatori ambientali

«Organizzando un evento attorno al Monte Bianco e in un territorio unico al mondo, è essenziale rimanere attaccati ai nostri valori e sviluppare tutto quanto necessario per preservare questa natura. Siamo lieti che, dopo svariate azioni a tutela dell’ambiente, abbiamo raggiunto questo accordo, ulteriore riconoscimento dell’UTMB® nell’ambito ambientale. La nostra collaborazione con WWF Francia sottolinea che le attività eco-responsabili sono parte integrante del nostro evento» Catherine Poletti, fondatrice dell’UTMB®

«Due anni dopo la firma da parte dell’UTMB® del mandato sui 15 impegni eco-responsabili del WWF Francia e del Ministero dello Sport, siamo orgogliosi di stringere oggi una partnership mirata ad accompagnare ulteriormente l’UTMB® nel suo impegno ambientale. Insieme, dimostreremo che è possibile conciliare l’eccellenza sportiva con l’esemplarità ambientale. Proteggere il nostro pianeta è una corsa su lunga distanza e abbiamo bisogno che i grandi attori del mondo dello sport raccolgano questa sfida!» Isabelle Autissier, Presidente del WWF Francia

Le parole del Sindaco di Chamonix
«L’UTMB® è diventato rapidamente l’evento di punta del trail running su scala mondiale: questo status è ovviamente legato all’ ambiente naturale eccezionale nel quale i corridori si cimentano, ma non abbiamo il monopolio di questo territorio straordinario! Questo successo è anche il risultato di un’organizzazione che si è saputa adattare sia alla crescita dell’evento, che alle crescenti necessità del territorio. In particolar modo, sono da menzionare tutte le misure adottate per ridurre l’impatto ambientale, così come l’impronta ecologica delle operations: dal mancato utilizzo dell’elicottero per monitorare la gara (esclusi i soccorsi) dal 2003, alla messa al bando dei piatti monouso nel 2018, le azioni sono numerose, concrete ed efficaci. Questo approccio è ulteriormente rafforzato nel 2019 e marcato da una partnership con il WWF Francia che consacra questo impegno: ne sono davvero lieto!»Eric Fournier sindaco di Chamonix-Mont-Blanc

A proposito del WWF Francia 
Il WWF è una delle prime organizzazioni indipendenti di protezione ambientale nel mondo. Con una rete attiva in oltre 100 paesi e con il supporto di 6 milioni di membri, il WWF lavora per fermare il degrado dell’ambiente naturale del pianeta e per costruire un futuro in cui gli esseri umani possano vivere in armonia con la natura, conservando la biodiversità globale, garantendo un uso sostenibile delle risorse naturali rinnovabili et promuovendo la riduzione dell’inquinamento e dei rifiuti.

Dal 1973, il WWF Francia lavora quotidianamente per offrire alle generazioni future un pianeta in piena vita. Con i suoi volontari e con il sostegno dei suoi 220.000 donatori, il WWF Francia sta intraprendendo azioni concrete per salvaguardare gli ambienti naturali e le loro specie, per promuovere stili di vita sostenibili, per formare responsabili decisionali, per supportare le aziende nella riduzione del loro impatto ambientale e per educare il pubblico più giovane. Ma affinché il cambiamento sia perpetuabile, può avvenire solo attraverso il rispetto di ognuno. Ed è per questa ragione che la filosofia del WWF si basa sul dialogo e sull’azione.
Trova tutte le nostre notizie su www.wwf.fr

I 15 impegni eco-responsabili 
• 50% minimo di alimentazione responsabile.
• 80% minimo dei viaggi effettuati su mobilità attiva, trasporto pubblico o carpooling.
• 80% degli acquisti che incorporano i criteri di selezione CSR.
• 25% dei rifiuti in meno e 60% dei rifiuti riutilizzati, riciclati o recuperati.
• 100% dei siti naturali rispettati.
• 100% del consumo di energia e di acqua sotto controllo e ottimizzati.
• 100% dei luoghi pubblici accessibili alle persone con disabilità.
• 1 azione (almeno) a promozione dell’accessibilità alle persone svantaggiate.
• 1 innovazione “eco-responsabile” (almeno) intrapresa durante l’evento.
• 1 o più(i) atleta(i) atleta(i) ambasciatore(i) dell’eco-responsabilità mobilitato(i) per l’evento o per la disciplina considerata.
• 100% dei volontari previsti.
• 1 impegno (almeno) in una causa di solidarietà.
• 1 azione (almeno) a promozione dell’uguaglianza dei generi in posizioni di responsabilità.
• 1 referente “sviluppo sostenibile” identificato nell’organizzazione.
• 1 azione o 1 programma (almeno) per sensibilizzare sull’eco-responsabilità

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *