PR & Influencer

La Classe 5Aen dell’ITT Barsanti di Castelfranco Veneto vince il Concorso REHAU Termotecnica di Classe

Si intitola “Classroom heating recovery” e propone una soluzione innovativa per la ventilazione nelle aule scolastiche, il progetto vincitore del concorso indetto da REHAU.

E’ della classe 5A dell’Istituto Tecnico Tecnologico Barsanti di Castelfranco Veneto (TV), indirizzo Meccanica Meccatronica ed Energia con articolazione Energia, il progetto vincitore del Concorso REHAU Termotecnica di Classe, il contest di merito rivolto agli istituti tecnici e professionali italiani, chiamati a presentare un’idea innovativa in grado di migliorare l’efficienza ed il comfort abitativo. L’attualità della problematica trattata, unita ai significativi risultati di efficientamento energetico ed ai notevoli vantaggi quali l’indipendenza d’uso e la gradualità di installazione, sono valsi all’elaborato “Classroom heating recovery” il gradino più alto del podio ed il conseguente premio di viaggio di istruzione di 3 giorni per l’intera classe, in una delle sedi REHAU in Germania.

La giuria, composta da Ivano Poletti e dall’Ing. Sebastiano Turchiarella, rispettivamente Direttore Commerciale e Responsabile Tecnico della divisione Building Technologies di REHAU, dall’Arch. Roberto Francieri, libero professionista e Professore presso il Politecnico di Milano, dal Dott. Per. Ind. Yuri Alari, della società AD Termotecnica s.r.l. e dal Prof. Ing. Roberto Zecchin dell’Università di Padova, si è riunita lo scorso 7 marzo per valutare i diversi elaborati presentati, in base all’effettivo risparmio energetico, all’innovazione tecnologica, all’ingegno e creatività del prodotto e alla realizzabilità pratica dei progetti.

Incentrato sull’attuale problematica della ventilazione delle aule scolastiche, assente nella quasi totalità delle scuole italiane e limitata alla sporadica ed inefficiente operazione di apertura delle finestre, il progetto “Classroom heating recovery” ha positivamente colpito i componenti della giuria con un sistema di ventilazione meccanica controllata “Stand alone”, accuratamente studiato nei dettagli dei diversi componenti e precisamente valutato attraverso calcoli prestazionali. I significativi risultati di efficientamento energetico e di incremento del comfort abitativo raggiungibili, sommati ai vantaggi in termini di indipendenza d’uso, semplicità e gradualità di installazione, nonché all’elevato tasso di sviluppo di prototipazione industriale, hanno permesso agli studenti della Classe 5Aen dell’ITT Barsanti, coordinati dal Prof. Baldassa, di aggiudicarsi il primo posto in classifica in qualità di idea più innovativa.

Una nota di merito sulla capacità di sviluppo di un prototipo realistico va a SMARTsiPHONE, il sistema per il recupero dell’energia dallo scarico dell’acqua sanitaria proposto dalla Classe 5 BMA dell’Istituto G. Ceconi di Udine, che si è aggiudicato il secondo posto grazie ad un interessante concetto di autonomia di funzionamento tramite microturbine e l’elettronica a corredo, mentre alla Classe 4ACMAN dell’I.S. Galileo Galilei di Conegliano, terza classificata, spetta una nota di valore per aver introdotto il tema di App per la gestione smart dei sistemi di climatizzazione nell’ambito del progetto di riqualificazione dello stesso edificio scolastico.

Sono rimasto piacevolmente colpito dai contenuti sviluppati in ogni progetto pervenuto ed analizzato”, ha affermato Ivano Poletti, Direttore Commerciale della divisione Building Technologies di REHAU “a conferma, non solo dell’impegno profuso dagli studenti coinvolti e dai professori che si sono messi in gioco, ma anche di una lodevole preparazione e capacità di sviluppo tecnico, caratteristiche fondamentali per quella che sarà la nuova generazione di termotecnici”.          

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *