PR & Influencer

I vigneti del Prosecco si tingono di rosso

I vigneti della tenuta Astoria a Refrontolo coperti di trifoglio incarnato: servono ad attirare gli insetti e a concimare.

Giorgio Polegato: “Facciamo conoscere di più le buone pratiche dell’agricoltura.”

 

È una distesa rossa quella che si vede in questi giorni nella Tenuta Astoria a Refrontolo. Una parte del vigneto storico dell’azienda, reimpiantata di recente, è infatti segnata dal trifoglio incarnato (o trifoglio rosso, appunto) oggi nel pieno della sua fioritura.

 “L’abbiamo scelto – spiega Giorgio Polegato di Astoria – perché è una pianta che da un lato attira gli insetti buoni che proteggono dai parassiti e dall’altro, una volta tagliata, sarà lasciata sul terreno (è la cosiddetta tecnica del sovescio) così da proteggerlo dai fenomeni erosivi e da fungere da ottimo fertilizzante.”

È una pianta storicamente ben conosciuta in agricoltura e usata anche nelle coltivazioni biodinamiche. “L’abbiamo introdotta nell’ambito della certificazione di Qualità Sostenibile, anche se non è obbligatoria – continua Polegato. – Non è una novità per gli addetti ai lavori, ma è una di quelle buone pratiche che spesso passano inosservate. Oggi però crediamo sia importante farle notare, per mostrare come noi operatori lavoriamo quotidianamente per difendere il più possibile le piante e la biodiversità.”

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *