PR & Influencer

Guida all’attrezzatura per il bushcraft: tutto ciò di cui hai bisogno

La scelta dell’attrezzatura è un aspetto cruciale delle attività di bushcraft. Da essa dipendono le possibilità di vivere l’esperienza appieno ma anche in tutta sicurezza.

Vale dunque la pena esplorare l’argomento, fornendo una lista di accessori e strumenti che non possono mancare.

Lo faremo in questa guida, che si concluderà con qualche consiglio per individuare il negozio più adatto all’acquisto dell’attrezzatura per il bushcraft

Un’introduzione al bushcraft

Con l’espressione bushcraft si intendono le competenze che permettono di “vivere”, o per meglio dire di sopravvivere, in un ambiente naturale e tendenzialmente ostile senza gli ausili delle tecnologie moderne. Il bushcraft, dunque, è composto da tutte quelle skill che, in senso lato, erano largamente possedute dai nostri antenati e che oggi, almeno a livello di massa, si sono perse.

Di base, il bushcraft consente di:

  • Costruire un rifugio a partire dalle materie prime che si trovano in loco. 
  • Accendere un fuoco.
  • Cacciare prede.
  • Riconoscere frutti e piante commestibili.
  • Cucinare in assenza di strumentazione moderna. 
  • Attraversare territori selvaggi.
  • Orientarsi in assenza di strumentazione moderna, quindi analizzando la posizione del sole e delle stelle. 

Per estensione, si definiscono attività di bushcraft tutte quelle attività di carattere squisitamente survival che consentono di mettere in pratica le competenze appena elencate. Nella maggior parte dei casi, queste attività consistono nel trascorrere giorni o settimane in alta montagna piuttosto che in zone boschive e lontane da qualsiasi agglomerato urbano. Non di rado, le attività sono connesse a obiettivi specifici, come il raggiungimento di un punto preciso. 

Le attività di bushcraft sono apprezzate e sempre più diffuse in quanto consentono di mettere a dura prova se stessi, di scoprire i propri limiti e superarli, di vivere un periodo a stretto contatto con la natura, di provare l’ebbrezza del pericolo. 

L’attrezzatura per il bushcraft attività per attività

Le attività di bushcraft devono essere adrenaliniche e sfidanti ma non per questo devono mettere a repentaglio la vita di chi le pratica. Lo scopo è individuare un equilibrio tra difficoltà e pericolo. Da qui, l’importanza della scelta dell’attrezzatura per il bushcraft. Ecco cosa non può mancare nell’equipaggiamento del perfetto “bushcrafter”.

  • Coltello. Questo dovrebbe essere a lama fissa in modo da resistere alle sollecitazioni più intense. Il Full Tang è il modello migliore.
  • Sega a catena. Uno speciale tipo di sega che presenta un filo flessibile. E’ efficace e facilmente trasportabile. 
  • Acciarino, che è fondamentale per accendere il fuoco.
  • Selce, per chi vuole accedere il fuoco “all’antica” oppure fiammiferi/accendino antivento per chi desidera vivere un’esperienza più comoda.
  • Borraccia e gavetta, essenziale per trasportare bevande e cibo, oltre che per consumarle effettivamente. 
  • Corda, essenziale per attraversare i segmenti più complessi del percorso. Il modello migliore è il Paracord, che è realizzato con il nylon dunque spicca per la resistenza e per il profilo molto sottile.
  • Torcia frontale, strumento che non necessita di presentazione e la cui utilità è assolutamente autoevidente.
  • Poncho impermeabile, indumento pratico, sicuro e che protegge abbastanza bene dalle intemperie.
  • Sacco a pelo e tenda, necessari per chi vuole evitare di costruire in autonomia un rifugio e quindi ricerca un’esperienza meno complessa. 

Il giusto abbigliamento per il bushcraft

Quello dell’abbigliamento è un capitolo a parte. Molti considerano l’enfasi sull’abbigliamento eccessiva per il bushcraft, in quanto indossare capi troppo “efficaci” rovinerebbe l’esperienza, offrendo un aiuto indebito. In realtà, ognuno ha il diritto di intendere il bushcraft come meglio crede. Dunque sì, la ricerca dell’abbigliamento più efficace ha piena cittadinanza, quando si tratta di decidere l’attrezzatura per il bushcraft.

Da questo punto di vista, a salire in cattedra sono i capi di abbigliamento militare, ovvero indossati dai soldati veri e propri. D’altronde, cosa sono le missioni militari se non una versione peculiare delle attività di bushcraft? 

Il problema è individuare capi di abbigliamento militari originali, piuttosto che liberamente ispirati (come se ne trovano nei negozi generalisti). Il consiglio è di puntare su negozi specializzati in abbigliamento e accessori militari. Il più fornito è senz’altro MIlitaria, che offre articoli realmente in uso nelle forze armate e quindi spendibili per le attività di bushcraft. Trovate di tutto, dalle tende alle maglie tecniche, dai sacchi a pelo agli anfibi militari, passando per i coltelli, le seghe a catena, le torce etc. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *