PR & Influencer

Dall’Australia a Gallarate: “così ho fondato un gruppo con oltre 2 milioni di fatturato e quasi 150 clienti”.

La storia di Andrea Tommaso d’Aietti e di LHub, la Digital mar-tech company nata a Gallarate che cura il posizionamento e performance online delle aziende attraverso la creazione di progetti custom e strategie cross-channel. Ecco come da una scelta coraggiosa nasce un progetto di successo.

 

Un progetto riuscito nasce sempre da una corretta intuizione, a cui si aggiunge determinazione e passione: sono queste le basi della storia imprenditoriale di Andrea Tommaso d’Aietti (30 anni), Tech Entrepreneur & Business hack designer con oltre 10 anni di esperienza nel mondo del digital marketing e del software.

Da sempre appassionato di tecnologia, di digitale e del loro impatto sulla vita delle persone, Andrea Tommaso inizia il suo percorso con studi umanistici, affascinato e mosso dalla curiosità di approfondire il pensiero umano, per poi proseguire con studi di Economia e Marketing.

 

Nel 2012 la svolta: Andrea decide di lasciare l’università e intraprendere un viaggio verso l’Australia per trovare l’amico Antonio Martelli, oggi anche socio di LHub Agency, (http://www.lhubagency.com/), una società di digital marketing e performance fondata nel 2017 da Tommaso, che oggi ne ricopre il ruolo di CEO. Direzione Kununurra, una città di circa 3000 abitanti – di cui ¼ di origine aborigena – nella regione di Kimberley, a nord est dell’Australia. In quella cittadina, isolata, Andrea fa i lavori più umili e disparati: dalla raccolta delle banane in fattoria, al pizzaiolo, al commesso in un supermercato, ma di notte continua a dedicarsi alla sua passione: il commercio online. “Un’esperienza impegnativa e faticosa: di giorno le temperature possono raggiungere i 50° e sono pochi gli immigrati che decidono di fermarsi per lunghi periodi in questa parte di Australia, completamente isolata, per questo il Governo non fa molte resistenze a concedere il visto per coloro che decidono di stabilirsi lì. Inoltre, essendo un luogo ricco di miniere di diamanti (un terzo della produzione mondiale arriva proprio da questa regione) l’economia è piuttosto florida e non si fa troppa fatica a trovare qualche lavoretto ben pagato. – racconta Andrea – Facendo diversi lavoretti riuscivo a guadagnare anche 9.000$ al mese. Questo mi ha permesso di mettere da parte dei risparmi che sono stati indispensabili per avviare la mia società. Questa esperienza mi ha insegnato che per costruire e gestire qualcosa di solido è necessario partire dalle basi e sporcarsi le mani per davvero.

 

Il rientro in Italia e la nascita di JotUrl e Lhub

Nel 2016, dopo essere rientrato in Italia, Andrea inizia la sua avventura professionale come socio e COO di JotUrl (https://joturl.com/) prima startup incubata da Nana Bianca e poi PMI innovativa con oltre 10 mila utenti che fornisce servizi di gestione del traffico web ad aziende come Vodafone, Tim, Aruba e Amplifon. “Man mano che andavo a proporre Joturl alle aziende mi sono reso conto che le persone volevano il buco nel muro più che il trapano e così io, insieme ai miei due soci ed amici Yari Muzzolon e Antonio Martelli, (nel 2017 tutti under 30) a cui si è poi aggiunto Janosch Lenzi, abbiamo dato il via a LHub Agency, una digital & mar-tech company che cura il posizionamento online delle aziende attraverso la creazione di percorsi e strategie digitali cross channel. Ci siamo concentrati in particolare sulle PMI, che in Italia sono circa 143.000, perché pur essendo molte di queste strutturate a livello economico, non lo sono in egual misura dal punto di vista digital. Basta pensare che circa il 40% delle PMI italiane non ha nemmeno un sito internet e in pochissimi hanno l’e-commerce. Gli altri nostri clienti privilegiati sono le startup, lavoriamo infatti, ad esempio, con Winelivery, Foorban e Meeters” racconta Andrea Tommaso d’Aietti.

 

LHub ha sede a Gallarate ed è attualmente formata da un team 30 persone, di cui 30% donne, con un’età media di 30 anni. “Ho la fortuna di avere sia colleghi che soci di alto livello professionale, oltre che umano, come Yari Muzzolon che è un grande esperto di comunicazione e di direzione creativa” commenta Andrea.

 

La diversificazione del business: nascono Blhack e 900Wine

Grazie alla costante voglia di crescere e innovare, nel 2020 nasce Blhack SRL, spin-off di Lhub per la parte Tech e di sviluppo, gestita dal socio Emanuele Barban, CEO e CTO ed ex Cerved. Andrea investe anche in altre start up promettenti come ad esempio in WeAreStarting (https://www.wearestarting.it/ ), il portale di equity crowdfunding che seleziona le migliori startup e PMI italiane; in Aryel (https://aryel.io/) attiva nel settore della realtà aumentata e Meeters (https://meeters.org/ ), una delle community di viaggi più grandi di Italia.

 

La sua passione per il Food&Beverage, lo ha portato nel 2016 a fondare con altri soci 900 Wine (https://900wine.com/), un’azienda wine 2.0 di spumanti prodotti con metodo Charmat. Oggi è presente in oltre 15 paesi e vende circa 100.000 bottiglie all’anno, principalmente all’estero, tramite i canali social  LinkedIn e Facebook.

 

L’intero gruppo – composto da tutte le realtà fondate o co-fondate da Andrea – nell’ultimo anno è cresciuto del +300% rispetto al 2019, chiudendo il 2020 con un fatturato di oltre 2 mln di euro gestendo un portfolio di 143 clienti.

 

“Se dovessi definire il gruppo, userei l’espressione inglese “underdog”, nel senso che siamo partiti sfavoriti ma con l’umilità di crescere e lavorare bene, non ci piace apparire e cerchiamo di mantenere sempre un basso profilo all’esterno. Un esempio? LHub Agency non ha un sito, pur creando siti. Una scelta provocatoria, sulla pagina internet c’è infatti solo scritto “tutto quello di cui hai bisogno è creatività”. Facciamo business grazie al passaparola al networking. Il nostro mantra è lavora bene, fai felice il cliente e rimani etico e professionale in tutto che fai” spiega Andrea.

 

Gli obiettivi per il 2021

Il gruppo vuole affermarsi come punto di riferimento in Italia nel digital e nel tech attraverso un collettivo di aziende con specializzazioni diverse, ma integrate, per offrire un servizio a 360°. Per il nuovo anno, inoltre, l’obiettivo è creare un modello di business capace di generare un circolo virtuoso tra i clienti diretti di Lhub Agency e le società in cui investe sia in termini di interscambi commerciali che di Know-how delle persone.

Il Gruppo è in continua crescita, ed entro la fine 2021 punta a triplicare il fatturato e internazionalizzarsi in Paesi ad alto potenziale di crescita e sviluppo.

Per quanto riguarda la LHub Agency, le posizioni sono spesso aperte e in questo momento l’azienda è alla ricerca sia di sviluppatori che di advertiser (per candidarsi jo.my/call4talent ).

Infine, in collaborazione con il Preside del Liceo linguistico / umanistico di Gallarate, a settembre 2021, partirà la prima classe in Italia di Liceo Umanistico con Indirizzo in Social e Digital Marketing, in cui Andrea D’Aietti e altri professionisti di LHub insegneranno ai ragazzi corsi di web e digital Marketing. “Gli adolescenti molto spesso sono vittime dei Social e del digitale, offrire un corso sul digital non solo gli permette di evitare possibili truffe e pericoli, ma anche di acquisire competenze che saranno sempre di più indispensabili e richieste nel mondo del lavoro. Sono contento e anche un po’ emozionato all’idea di tornare a scuola, soprattutto nelle vesti di insegnante, considerando che non sono mai stato un secchione. Sono motivato da questa proposta perchè credo che sia una bella opportunità per i giovani, in cui la scuola si mette dalla parte dei ragazzi proponendo un percorso che intercetta e professionalizza i loro interessi” conclude Andrea.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *