PR & Influencer

Crescita dei ricavi del 30% per le aziende che aggiungono l’Intelligenza Artificiale Voice al sito

Sempre più gente sceglie l’ecommerce, ma in Italia il settore sviluppa un fatturato ancora limitato rispetto ai punti vendita offline.

Oggi anche gli acquisti più complessi – come comprare casa o l’auto – nascono dalla ricerca di informazioni online. Curiosiamo, cerchiamo risposte, compariamo e poi andiamo in un punto vendita. Da anni si parla di come l’ecommerce stia cambiando le nostre abitudini d’acquisto, ma oltre il 95% del business avviene nel mondo fisico (anche negli USA il 90% del giro d’affari si conclude ancora in punti vendita fisici).

Le aziende, in particolare le PMI, si scontrano con l’omnicanalità, che diventa un costo piuttosto che un’opportunità, penalizzando spesso la digitalizzazione e l’introduzione dell’ecommerce per non cannibalizzare le vendite del negozio.

La tematica è stata affrontata a E-COMM19, evento dedicato all’ecommerce insieme ad Amazon, Paypal, Poste Italiane.

Gli utenti però non hanno più un percorso d’acquisto lineare, si muovono tra touch point online e offline, e non vogliono aspettare. Le grandi piattaforme come Amazon, Yoox, Zalando… li hanno abituati così e si combatte per l’utilità “istantanea” per l’utente, neanche per il prezzo.

Da qui l’evoluzione al Voice commerce, che sta registrando tassi di crescita impressionanti. Usare un sito con la voce è più semplice e si fa a mani libere.

E serve andare a prendere i clienti nei canali dove passano già più tempo come WhatsApp e Facebook. Un’azienda italiana, LIFEdata, ha risolto questo problema con l’Intelligenza Artificiale. Con un semplice click consente di aggiungere ad ogni ecommerce, il controllo vocale e la possibilità di fare ecommerce via instant messaging su WhatsApp e Facebook messenger, aumentando il bacino d’utenza del negozio online e collegandolo ad eventuali punti fisici, per prove in negozio, test drive o ritiro merce.

LIFEdata è una delle poche aziende europee specializzate in Intelligenza Artificiale Voice. Il mega trend su cui stanno investendo tutti i big player, come Google, Amazon, Microsoft, Salesforce… Le soluzioni della startup innovativa rendono immediato l’accesso ai servizi tra mondo digitale e offline e semplificano l’Omnicanalità.

Il successo immediato di LIFEdata si inserisce in un contesto che vede lo sviluppo dell’intelligenza artificiale voice come il trend tecnologico del momento con una crescita superiore del 50% all’anno: tutti i big della tecnologia, da Apple a Google, da Amazon a Microsoft, stanno investendo in maniera massiccia sullo sviluppo di questo settore che, si prevede, in futuro farà chiudere un gran numero di piccole aziende.

LIFEdata ha intuito che proprio nel segmento più minacciato da monopolio delle grandi piattaforme vi era un’opportunità di crescita importante: grazie a LIFEdata le PMI possono infatti competere con la stessa tecnologia dei big dell’ecommerce facendo funzionare i propri siti, app e software con la voce. LIFEdata in questo modo rende le aziende digitali progettando il percorso del consumatore tra touchpoint digitali e fisici, favorendo la multicanalità e la conversione dell’acquisto.

 

Riguardo LIFEdata

LIFEdata è una startup innovativa specializzata nello sviluppo e nell’implementazione di soluzioni innovative di Intelligenza Artificiale per rendere più efficienti i processi di Vendite, Marketing e Customer Experience – in particolare nei contesti di Online to Offline, tipici dell’evoluzione all’Omnicanalità tra mondo digitale e fisico. La società conta su un team multiculturale con 7 nazioni rappresentate, quote rosa al 57% e STEM 98%. Per agevolare lo sviluppo dal basso ed il supporto alle PMi dei territori ha recentemente lanciato una campagna di crowdfunding disponibile al link https://www.crowdfundme.it/projects/lifedata/ su Crowdfundme, il primo portale quotato in Borsa.

 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *