PR & Influencer

CONSORZIO PER LA TUTELA DEI VINI VALPOLICELLA, tutti i dati del 2020

IL CONSORZIO

Attivo da oltre 80 anni, il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella rappresenta 272 aziende di imbottigliatori e

trasformatori della rinomata DOP del veronese, per una filiera che conta 7 cantine cooperative, 2.273 aziende agricole

produttrici di uva. Attraverso un contatto quotidiano con le aziende e una radicata conoscenza del territorio, si è

affermato come l’interlocutore di riferimento per chiunque voglia scoprire la Valpolicella e i suoi vini.

Oltre a garantire il servizio di salvaguardia e tutela della denominazione, il Consorzio si occupa della valorizzazione e

promozione sul mercato nazionale ed estero dei vini Valpolicella: Amarone della Valpolicella DOCG, Recioto della

Valpolicella DOCG, Valpolicella Ripasso DOC e Valpolicella DOC.

 

LA VALPOLICELLA IN CIFRE

La Valpolicella è la prima DOP di vino rosso in Veneto e tra le più importanti in Italia. A livello regionale è seconda solo

al Prosecco, con una P.L.V. (produzione lorda vendibile) ad ettaro tra le più alte in Italia, 23.000 €/Ha nel 2019.

Cresce il vigneto e con esso il potenziale produttivo. Negli ultimi 20 anni è raddoppiato il terreno vitato Valpolicella, che ha raggiunto gli 8.296 ettari di estensione nel 2019. Nello stesso periodo, la produzione di uva per Amarone e Recioto ha registrato un incremento dai 40 agli oltre 300 mila quintali. Sono 64 milioni le bottiglie delle denominazioni

(Valpolicella, Amarone, Recioto e Valpolicella Ripasso) prodotte nel 2019, per un giro d’affari complessivo di 600 mln di euro annui di cui 350 mln stimati solo per l’Amarone. Nella vendemmia 2019 sono stati prodotti 882.831 q.li di uva, di cui 310.177 messi a riposo per Amarone e Recioto.

 

EXPORT

Il 62.4% della produzione della Dop Amarone nel 2019 è stata destinata all’estero: Germania (16%), USA (14%), Uk (12%), Svizzera (11%) i principali Paesi di destinazione che congiuntamente assorbono il 53% delle bottiglie esportate. Seguono Svezia (8%), Danimarca (7%) e Canada (6%). Cina e Giappone pesano congiuntamente circa

il 5%, sebbene il valore dell’export in questi due Paesi sia cresciuto a doppia cifra rispetto al 2015. (Fonte: indagine 2019 Osservatorio Vini Valpolicella a cura di Wine Monitor sull’export dei vini Valpolicella).

 

VALPOLICELLA SOSTENIBILE

L’impegno del Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella per raggiungere l’eccellenza in vigna passa anche dalla

sostenibilità e dal benessere per il territorio. In questa direzione va la certificazione “RRR – Riduci, Risparmia, Rispetta”, che promuove la tutela ambientale da parte delle aziende grazie all’adozione di tecniche innovative in vigneto, ma anche la sostenibilità sociale e la tutela del paesaggio. Il Protocollo RRR è nato, infatti, oltre che per rispondere alla domanda dei consumatori sempre più decisa di vini che esprimono il territorio, anche per garantire un ambiente più pulito per abitanti della Valpolicella. Il monitoraggio sull’utilizzo dei prodotti fitosanitari da parte delle aziende ha portato a risultati positivi sia sul piano tecnico che sul fronte dell’efficacia nella salvaguardia degli equilibri naturali. Difesa e cura del territorio diventano quindi valori fondamentali per la qualità del vigneto e del prodotto sui quali il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella ha posto le basi anche per un progetto di consulenza gratuita dedicata ai suoi associati. Attraverso un bollettino settimanale, il Consorzio informa i suoi soci sul corretto utilizzo dei fitofarmaci sostenendo l’uso di prodotti biologici e le buone pratiche in vigna grazie anche alla consulenza unificata curata dall’agronomo Renzo Caobelli. Dalla vendemmia 2018 le uve e i vini prodotti secondo il protocollo vengono certificate da Siquria e quindi si potranno fregiare del marchio “RRR”. Il marchio potrà essere apposto sulle bottiglie che entreranno commercio.

 

TERRITORIO

La struttura paesaggistica della Valpolicella, estremamente ricca grazie alla presenza di un territorio morfologicamente

vario, si presenta idealmente come un ventaglio di vallate che si dipartono da Verona.

L’ampia zona di produzione dei vini Valpolicella DOC e DOCG include la fascia pedemontana della provincia di Verona

ed è suddivisa, secondo il disciplinare di produzione, in tre zone distinte:

  • La zona Classica, formata da cinque aree geografiche, racchiude gli areali di Sant’Ambrogio di Valpolicella e di

San Pietro in Cariano, e le valli di Fumane, Marano e Negrar;

  • La zona Valpantena, comprendente l’omonima valle;
  • La zona DOC Valpolicella, con i comprensori del comune di Verona e le valli di Illasi, Tramigna e Mezzane.

In tutta l’area trovano spazio varietà come la Corvina, il Corvinone, la Rondinella e, in misura minore, la Molinara.

 

VALPOLICELLA WINES APP

L’app “Valpolicella Wines” è stata sviluppata dal Consorzio per accompagnare gli enoturisti e gli appassionati del vino

alla scoperta del territorio e dei vini della Valpolicella. L’applicazione, in italiano e inglese, operativa su sistemi iOS e

Android, offre informazioni riguardanti i vini e le cantine della Valpolicella, le strutture ricettive e la ristorazione, i

percorsi enogastronomici, i punti di interesse storico-culturali, gli itinerari naturalistici e, in generale, le attività turistiche presenti sul territorio veronese.

 

PROMOZIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE

Visite guidate, incontri con i produttori e abbinamenti tra i vini della Denominazione e i prodotti tipici della tradizione

veronese per conoscere le eccellenze del gusto e della Valpolicella attraverso l’esperienza: ogni anno il Consorzio

organizza educational tour e incoming per operatori del settore, giornalisti e blogger italiani e internazionali per

promuovere e valorizzare la Denominazione Valpolicella. Il Consorzio partecipa alle principali fiere internazionali dedicate al mondo del vino con uno stand istituzionale in rappresentanza della Denominazione: Vinitaly a Verona, ProWein a Düsseldorf, Vinexpo Shanghai.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *