PR & Influencer

Il bilancio della prima edizione di Paratissima Bologna: 2.500 presenze, 3 giorni, 87 artisti, 9 premi

Con 2.500 presenze si è chiusa la prima edizione di Paratissima Bologna nella sede IAAD, dal 2 al 4 febbraio, in concomitanza con Artefiera e l’art week bolognese.

«La nostra avventura con PRS – Paratissima Produzioni e Servizi, la neonata impresa sociale, non poteva cominciare nel modo migliore – afferma il direttore generale di Paratissima, Lorenzo Germak -. Dopo il successo di Bologna siamo già al lavoro per replicare il format dell’evento su altre prestigiose piazze italiane».

“Animali Notturni – The dark side of life” è stato il tema della prima edizione di Paratissima Bologna che ha ispirato i lavori degli 87 artisti selezionati dalla kermesse internazionale di arte contemporanea dedicata ai talenti emergenti.

«Paratissima Bologna – racconta il direttore artistico di Paratissima, Francesca Canfora – è nata con l’intento di sperimentare nuove formule e nuovi territori in prima persona. Dopo le esperienze di Skopje, Lisbona, Cagliari e Napoli, nate in collaborazione con associazioni culturali locali, ci siamo sentiti finalmente maturi per affrontare direttamente la gestione di eventi paralleli rispetto a Torino. A Bologna abbiamo reinterpretato il format di Paratissima trasformandola in una grande mostra collettiva curata, esito di un’attenta selezione basata sulla qualità delle opere e sulla rispondenza al tema proposto per questa prima edizione: “Animali Notturni”. Il risultato finale è stato eccellente, grazie alla professionalità e all’impegno di ogni singolo artista coinvolto e anche grazie allo staff torinese ormai rodato e consolidato da una storia decennale».

Suggestiva cornice dell’evento è stata la sede di IAAD – l’Istituto d’Arte Applicata e Design, in via Jacopo Barozzi 3/i: un ex fabbricato industriale dei primi del ‘900 frutto di una profonda opera di riqualificazione urbana. «Per i nostri studenti – spiega Laura Milani, direttore IAAD – Paratissima Bologna è stata un’importante occasione per fare esperienza: gli studenti sono diventati parte dello staff e hanno partecipato attivamente all’organizzazione e alla realizzazione dell’evento, contribuendo così alla sua ottima riuscita e facendo esperienza sul campo».

In allegato: comunicato stampa e foto dell’opera di Alice Padovani, vincitrice del Paratissima Bologna Talent Prize 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *