PR & Influencer

ANCHE QUEST’ANNO UN GRANDE SUCCESSO PER LA MONTEFORTIANA CHE ARRIVA ALLA 43a EDIZIONE E BATTE IL RECORD CON QUASI 25.000 PARTECIPANTI

La Montefortiana non ha disatteso le aspettative dei tanti appassionati di sport con un fine settimana immerso nella natura per i podisti provenienti da tutta Italia e dall’estero. Quasi 25.000 i partecipanti a tutti gli eventi, adulti e bambini, che hanno approfittato di questa bellissima giornata per correre e camminare sulle splendide colline dell’est veronese. «La forza della Montefortiana – ha ricordato anche oggi Gianluigi Pasetto, segretario del Gruppo Valdalpone De Megni – sta nell’accoglienza degli abitanti del paese e della valle che si mobilitano in modo unico per la corsa, con la loro generosità e la loro apertura».

Anche quest’anno la domenica della Montefortiana è cominciata ancora prima dell’alba, quando hanno cominciato ad arrivare i primi runners, quelli che alle 8 erano pronti sulla linea di partenza delle due gare Eco, l’Ecomaratona Clivus e l’EcoRun Collis. L’Ecomaratona con i suoi 44km e un dislivello positivo di +1.900mt ha visto partecipare 600 runners che hanno corso sul bellissimo percorso, andando a raggiungere angoli e zone bellissime della Valdalpone. Primo arrivato quest’anno Mattia Zoia in 3h25’19’’ tra gli uomini, seguito da Simone Wegher e Francesco Lorenzi e Silvia Rampazzo in 3h44’30’’ tra le donne, seguita da Giulia Vinco e Federica Menti. L’altra gara Eco, consolidata ormai nel programma della Montefortiana per la bellezza del percorso e il “minor” kilometraggio, sono, infatti, 26 i kilometri e 900 i metri di dislivello, ha visto alla partenza oltre 500 podisti. Questa 3a edizione è stata vinta da Stefano Fantuz per gli uomini in 1h48’52’’ mentre la prima donna è stata Francesca Pretto che ha concluso in 2h17’49’’. I tracciati delle due Eco si snodano tra i luoghi più belli delle vallate, tra le colline della Val d’Alpone e Val d’Illasi, Castelcerino, Montecchia, Cazzano e Soave con un percorso altamente suggestivo.

Subito dopo la partenza delle Eco, Via Perazzolo ha iniziato a riempirsi delle 20.000 persone che hanno preso parte al Trofeo Sant’Antonio Abate – Falconeri: un fiume umano che ha riempito la via per proseguire poi sui tre percorsi di 9, 14 o 20 km. Per loro il passo era libero e lo spirito era quello della condivisione e dell’amicizia. Tanti i sorrisi alla partenza perché l’unico obiettivo è quello della solidarietà, del benessere e dell’amore per la natura e per il territorio, con le sue tradizioni e la sua cultura, tutta da scoprire, soprattutto nel cibo. La Montefortiana, infatti, è famosa soprattutto per i suoi ristori, dal minestrone degli alpini ai dolci delle signore di Castelcerino, fino ai tortellini Avesani all’arrivo.

Chiude le partenze delle competitive la Maratonina Falconeri, la ventuno del Soave che ha visto alla partenza 900 podisti pronti a sfidarsi su questo bellissimo percorso su strada con un dislivello di 300mt. Il record di questo Al traguardo per primo Pontien Ntawuyirushintege in 1h11’11’’, seguito da Kipkorir Chirchir Erastus e da Loris Mandelli. Per le donne invece Clementine Mukandanga è arrivata in 1h22’56’’ seguita da Anna Zilio e da Rossella Guariniello.

A chiudere questo bellissimo fine settimana di festa e sport il Gran Premio Pedrollo – Giovani Promesse, competitiva CSI su strada riservata a tutte le categorie under 18, che ha messo in mostra molti giovani promettenti.

La Montefortiana si conferma ancora una volta una grande manifestazione partecipata e sentita dalle quasi 25.000 persone che nel corso del fine settimana hanno partecipato ai vari eventi in programma. «Un successo anche dal punto di vista della sicurezza – ha dichiarato Giovanni Pressi, presidente della Montefortiana – il piano che abbiamo messo in atto per rispettare tutte le normative, infatti, non ha intaccato l’ottimo svolgimento della corsa e lo spirito, facendo correre tutti nel pieno della sicurezza e serenità».

Un successo che non sarebbe possibile senza il supporto di tutto un paese che si mobilita e crede nella sua corsa. La manifestazione, inoltre, vede l’importante contributo dei main sponsor Falconeri, Pedrollo, Cantina di Monteforte, Collis Cantina Veneta e Pastificio Avesani e la collaborazione di Turri, Hawaiki, Bolla, Meggle, Piccinato Sergio, Autosilver, IperFamila, Techpa, Cose Buone, Dotti il caffè, Eurovo, Adacta Sprint, Dr Ciccarelli farmaceutici, Elda Ricotteria, TechPa, IperFamila, Cose Buone, Dotti Caffè, Adacta Sprint, Farmaceutici dr. Ciccarelli, La Casara, Pepperone Restaurant & Sports Cafè e Ippopotamo. Sponsor tecnico è Errea con il punto vendita GiSport. Media partner SportDi+.

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *