PR & Influencer

Al via FUTURE VINTAGE FESTIVAL 2022, spazio alla cultura dell’Hype

 

Dal 09 all’11 settembre a Padova presso il Centro Culturale San Gaetano e ai Giardini dell’Arena

un fitto programma di mostre, talk, musica, expo e una versione tutta nuova

del Future Vintage Off

 

A settembre l’Hype prende forma nell’ambito del Future Vintage Festival, una kermesse inedita per ricchezza di contenuti, trasversalità e proposte. Fil rouge della rassegna sarà il tema Icons per rappresentare un format del tutto nuovo: le opere di Banksy, Mr. BrainwashAndy Warhol convivono con lo streetwear e l’attualità, in un programma di mostre, talk, musica, expo e una versione rinnovata del Future Vintage Off nello stile e nella proposta food, beverage & entertainment.

Una full immersion nella cultura pop che diventa strada, moda, arte e performance; un viaggio che inizia a Padova al Centro Culturale San Gaetano e approda ai Giardini dell’Arena dal 09 all’11 settembre.

Da Banksy allo Studio 54: come si “mostra” l’Icona

Protagonista di quest’anno è un panorama di mostre che attraversa tempi e luoghi lontani sotto il segno delle Icone: gli “scatti proibiti” di Allan Tannenbaum nel leggendario Studio 54 di New York svelano vizi e segreti dell’epoca aurea dello star system, da Mick Jagger a Michael Jackson fino a Andy Warhol, preludio ideale alla grande mostra – proprio su Warhol – del 30 settembre al Centro Culturale San Gaetano. E ancora: le gallerie più innovative sul mercato espongono la massima espressione della Street Art – da Banksy Mr. Brainwash – e raccontano, attraverso la fotografia, i chiaroscuri delle Icons americane. Tutto questo all’interno di un contenitore inedito, capace di fondere in armonia echi del passato dell’arte e della grafica (dalle stampe giapponesi al design d’inizio anni Novanta) con il dinamismo delle tendenze contemporanee. Una versatilità che ritorna con gli ospiti.

Venerdì 9: Immanuel Casto, Giorgia Soleri, dj Albertino

Nomi che promettono di infiammare la kermesse: il re del Porn Groove Immanuel Casto e la regina dello psycho-pop Romina Falconi aprono i talk show venerdì 9 settembre alle ore 15.00 al San Gaetano. L’influencer Giorgia Soleri, alle ore 16.30, parlerà de “il lato intimista dell’Hype”. Dulcis in fundo il dj set di Albertino, icona della radio, ai Giardini dell’Arena alle ore 21.00.

 

Sabato 10: Lorenzo Marini, Cartoni Morti, Ludovica Bizzaglia, Ciro Buccolieri, Caffè DesignSabrina Salerno, Diego Passoni, MACE

Tra i nomi più caldi di sabato spiccano Lorenzo Marini (al San Gaetano alle ore 10.30), pubblicitario e scrittore con alle spalle più di 300 premi nazionali ed internazionali; Cartoni Morti, in scena alle ore 14.00 ai Giardini dell’Arena con il talk “Cartoni Rinati: ridere fa bene all’Hype” e Ludovica Bizzaglia, attrice  e influencer al San Gaetano alle ore 15.00; sempre ai Giardini, alle ore 16.00, Ciro Buccolieri svelerà i segreti dietro le icone del rap – da Sfera Ebbasta a Gué Pequeno – seguite dalla sua agenzia Thaurus. Caffè Design al San Gaetano alle ore 16.30, il più seguito e rinomato podcast sul design. Chiusura in stile “Italo Pop” con Sabrina Salerno, alle ore 18.00 al San Gaetano; Diego Passoni, la voce trasversale di Radio Deejay, scalderà i Giardini dell’Arena alle ore 19.00. La serata termina alle 21.30 al Future Vintage Off con il dj set di MACE più guests, il dj e producer multiplatino riconosciuto come il più influente in Italia. Un evento nell’evento che trasformerà uno dei luoghi simboli di Padova in uno spazio ancora più iconico.

Myss Keta, la “scheggia impazzita” tra Pride Village e Future Vintage Festival

Sabato 10 è la data clou che vede una collaborazione esclusiva tra Pride Village e Future Vintage Festival e ha come protagonista l’icona del pop, del clubbing e della gender culture, fuori con il tormentone estivo “Finimondo” e il nuovo album “Club Topperia”: l’imperatrice dell’“Adoro” Myss Keta animerà il sabato live alla Fiera di Padova.

Domenica 11: Nicolai Lilin, le star delle sneakers + WAD, Spiller dj

Spazio allo scrittore di Educazione Siberiana e tatuatore Nicolai Lilin (alle ore 10.30 al San Gaetano), al dj che impazza su TikTok con i suoi mash up Samuele Brignoccolo (alle ore 12.00) e alla combo talk più workshop con i maestri della sneaker De Carli, Clessio, Evangelisti moderati da WAD voce di Radio Deejay (“Sneakers iconiche e come customizzarle”, alle ore 15, presso Il Centro Culturale San Gaetano Despar Auditorium). La serata finale ai Giardini dell’Arena è ancora una volta sotto il segno del Future Vintage Off, alle 21.30 con Spiller dj più guests: un’occasione unica per celebrare la hit dance “Groovejet”, inno della generazione Duemila.

13 edizioni, un nuovo livello di Hype

“Icons. L’Hype che non passa di moda” è il tema della tredicesima edizione della kermesse che legge il passato con lo sguardo rivolto al futuro, mixando stili, tendenze e culture. Un messaggio di tendenza ma anche in controtendenza, se è vero che viviamo in un’epoca dove i Nuovi Divi durano il tempo di una miniserie.

Cosa rende veramente “iconica” un’Icona? Come nasce l’Hype? Esistono oggi Icone che durano? E come saranno quelle di domani? Sono solo alcune delle domande al centro dei talk show del Centro Culturale San Gaetano, dal 9 all’11 settembre. A rispondere sarà un parterre di ospiti d’eccezione: sfaccettato, trasversale, unconventional come è nel DNA dell’evento che anche quest’anno rinnova la lunga e fortunata partnership con Radio Deejay e M2O.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *