PR & Influencer

“TRACCE DI GUERRA A TREVISO”

Cinque nuovi incontri per ricordare gli eventi che hanno segnato la città
Settembre – Novembre 2019
Un viaggio scandito dalle cicatrici, antiche e recenti, lasciate dalle guerre che hanno colpito la città
di Treviso. È questa la nuova proposta firmata da Ufficio Turistico IAT, UNPLI Treviso e
Fondazione Marca Treviso.
Un tour che, da settembre a novembre, verrà replicato in 5 fine settimana e ripercorrerà i tanti
luoghi che ancor oggi sono testimonianza degli eventi bellici che hanno avuto come teatro la città di
Treviso.
Dalla 1^ Guerra Mondiale, il cui monumento più celebre è “Gloria” di Piazza Vittoria, opera del
celebre scultore Arturo Stagliano, all’indelebile sfregio lasciato dalla 2^ Grande Guerra su Palazzo
dei 300 e che – durante la ricostruzione – venne deciso di non nascondere, in segno di monito e a
perenne ricordo delle vittime.
E ancora: la Fontana di Piazza Pola, su cui è ben visibile la targa dedicata ai trevigiani e ai loro
parenti che durante la fine della II^ Guerra Mondiale sono stati vittime delle foibe; oppure il
Monumento dell’Indipendenza, apposto nell’omonima Piazza, che rappresenta la personificazione
della provincia di Treviso che calpesta le catene della dominazione asburgica. Un’opera che,
affettuosamente, i trevigiani chiamano “Teresona” e ricorda i tanti concittadini e patrioti
del Risorgimento morti nel 1866 durante la terza guerra d’indipendenza che portò all’unificazione di
Treviso e delle province venete con il Regno d’Italia.
Scorci cittadini che meritano di essere guardati con occhi nuovi perché testimoniano, con la loro
sola presenza, capitoli importanti della vita di Treviso e raccontano, meglio delle pagine di un libro,
storie di dolore e distruzione ma anche di volontà e rinascita.
DATE:
● sabato 14/09, ore 15.00
● sabato 28/09, ore 15.00
● sabato 05/10, ore 15.00
● sabato 19/10, ore 15.00
● sabato 02/11, ore 15.00
COSTO:
● 6 € adulti
● 4 € dai 6 ai 14 anni
Prenotazione obbligatoria
INFO E PRENOTAZIONI:
IAT Treviso centro

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *