PR & Influencer

TERRAZZA FIORELLA: IL NUOVO CORSO

Il ristorante Terrazza Fiorella di Villa Fiorella Art Hotel a Massa Lubrense rivisita
i suoi capisaldi: ricerca, eccellenza, territorio e tradizione.
“Abbiamo semplificato l’offerta mantenendo i nostri alti standard qualitativi” Queste le parole di Alberto Colonna proprietario di Villa Fiorella Art Hotel a Massa Lubrense, nella parte sorrentina della Costiera Amalfitana. Il periodo che stiamo vivendo ha modificato profondamente il panorama ricettivo italiano, ma ci sono cose che non possono cambiare come la qualità, la ricchezza del territorio e il legame con la tradizione. Per questo la proposta gastronomica del Ristorante Terrazza Fiorella assume una veste nuova confermando i principi che l’hanno resa una delle proposte più interessanti del recente passato. “Questo periodo di stop forzato ci ha permesso di riflettere sulla terra, la nostra terra e tutti i profumi che questa ci dona” spiega Marco Del Sorbo l’Executive Chef del ristorante. L’obiettivo è sempre lo stesso dunque offrire agli ospiti genuinità, gusto, colori e profumi del territorio e della tradizione ma rivisitati dalla mano esperta dello chef. I produttori sono da sempre i migliori alleati e per questa stagione sono stati selezionati ancora più accuratamente per concentrarli su un’area più ristretta. ”Abbiamo pensato ad un nostro “miglio verde” nel senso che i produttori scelti sono veramente del circondario sia per le verdure che per i latticini” racconta sempre lo Chef Del Sorbo. Soprattutto per gli ortaggi e le erbe, il Ristorante Terrazza Fiorella è praticamente autonomo grazie al suo orto che è stato implementato tanto di diventare uno dei piatti del nuovo menù “L’espressione dell’orto di Villa Fiorella”. Una versione estiva della Parmigiana di melanzane, i totani e patate alla “paisan”, ma anche i tradizionali Ravioli capresi o le linguine al limone, vero emblema del territorio di Massa Lubrense: i capisaldi della tradizione territoriale ci sono tutti. Il nuovo menù a la carte verrà proposto in tutto l’Hotel con un servizio più smart, regolato secondo i più rigidi protocolli anti Covid-19, ma sempre attento e puntuale. Anche la ricerca della carta dei vini non si è fermata e grazie alla competenza del sommelier Tiziano Imperato (ora affiancato dal Sommelier Francesco Izzo), Terrazza Fiorella ha una carta sempre più attenta alle realtà di pregio del territorio, soprattutto quelle emergenti come l’ischitana Crateca che realizza vini intorno ad un cratere inattivo, il Crateca appunto, oppure i circa due ettari di terrazzamenti recentemente recuperati e impiantati con le autoctone Biancolella , Forastera Piedirosso e Guernaccia, ma anche il piccolo orgoglio vitivinicolo della Penisola Sorrentina come l’azienda Abbazia di Crapolla di Vico Equense. Stesso lavoro di ricerca anche per quanto riguarda le birre con il Birrificio Sorrento. Nato a Massa Lubrense il birrificio produce birre utilizzando ricette fatte con ingredienti tipici della zona come la Syrentum fatta con le bucce fresche di Limoni di Sorrento IGP, la Minerva fatta con le bucce fresche di Arance, e la Parthenope con le ottime noci di Sorrento. Una proposta completa e precisa che punta tutto sull’eccellenza, in un mix che fonde la grande tradizione campana e il futuro di piccole grande realtà.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *