PR & Influencer

PROSECCO CYCLING PER L’AMBIENTE: A VALDOBBIADENE NASCE L’ASSESSORATO ALLA TRANSIZIONE ECOLOGICA 

   
 

 

 

 

Il sindaco Luciano Fregonese: “La nuova delega, attribuita a Marco Miotto, è stata ispirata dal World Cycling Monuments Meeting che il 30 settembre porterà in città gli organizzatori degli eventi cicloamatoriali più importanti e partecipati del pianeta: in 120 mila pedaleranno idealmente tra le nostre colline nel segno della sostenibilità ambientale”. Intanto l’appuntamento                           del 2 ottobre supera di slancio i 1200 iscritti, con 25 nazioni rappresentate. Massimo Stefani: “Evento senza confini” 

 

Era in prima fila a New York, ha raccolto applausi in Svezia. Ma la Prosecco Cycling non si ferma qui:            è di pochi giorni fa la notizia che il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese, ha istituito l’assessorato alla Transizione Ecologica, attribuito a Marco Miotto. Un’iniziativa che a Fregonese è stata ispirata dalle recenti esperienze internazionali maturate al fianco della Prosecco Cycling.

 

Il sindaco di Valdobbiadene era tra i componenti della delegazione veneta che il 1° maggio è stata accolta con tutti gli onori al TD Five Boro Bike Tour di New York, la corsa ciclistica più partecipata d’America, e il 18 giugno è stata ospite in Svezia della Vätternrundan, la più importante rassegna ciclistica del nord Europa.

 

L’evento americano (32.000 partecipanti) e quello svedese (25.000) prenderanno parte al World Cycling Monuments Meeting, la grande convention sulla sostenibilità ambientale che il 30 settembre, alla vigilia della Prosecco Cycling, coinvolgerà gli organizzatori dei più partecipanti eventi cicloamatoriali del pianeta, includendo anche il Cape Town Cycle Tour (35.000 partecipanti) e la Ride London (25.000).

 

Le tappe di avvicinamento al World Cycling Monuments Meeting e in particolare la trasferta in Svezia, dove ho potuto constatare di persona la sensibilità verso la tematica ecologista così diffusa nel nord Europa, mi hanno suggerito la creazione di un assessorato alla Transizione Ecologica – commenta il sindaco Fregonese -. Un’iniziativa che servirà al nostro Comune per migliorare il rapporto con l’ambiente, lo stato dei luoghi e lo stile di vita della nostra comunità. Un altro impegno importante che ci siamo presi per il futuro dei nostri figli”.

 

Il modello Prosecco Cycling – continua il sindaco – piace alla nostra amministrazione che metterà in pratica delle procedure per monitorare e quantificare, ogni sei mesi, con un bilancio ambientale i risultati ottenuti in base a obiettivi prefissati, auspicando che questa iniziativa possa allargarsi a tutti i Comuni dell’area, anche attraverso la collaborazione e il coordinamento dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene che verrebbe incaricata di monitorare il percorso svolto da ogni singola amministrazione, rendendo poi pubblici i risultati raggiunti. La certificazione di questo tipo di impegno rappresenterebbe un grande passo avanti per il nostro territorio”.

 

L’appuntamento con il meeting tra gli organizzatori degli eventi cicloamatoriali più importanti e partecipati al mondo – conclude Fregonese – aprirà una nuova stagione per questo territorio che si candida a diventare una delle destinazioni del cicloturismo mondiale. A Valdobbiadene arriveranno grandi organizzatori da quattro continenti che sottoscriveranno per la prima volta nella storia un protocollo d’intesa sulla sostenibilità ambientale: il 2 ottobre pedaleranno idealmente in 120 mila tra le nostre colline, tanti sono i partecipanti agli eventi monumento del ciclismo amatoriale internazionale i cui organizzatori saranno presenti al meeting. Sarà un esempio da prendere in considerazione da tutti gli sport di massa e non solo, una vetrina mondiale per le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità, da dove partirà questo messaggio legato alla mobilità sostenibile”.

 

Intanto, ad oltre due mesi dal 2 ottobre, la Prosecco Cycling ha superato di slancio i mille iscritti, con adesioni che arrivano da 25 Paesi e quattro continenti. Un risultato che fa prevedere numeri finali da record.

 

La Prosecco Cycling – dichiara Massimo Stefani, general manager dell’evento – non ha confini ed è in crescita costante di partecipazione e interesse. Lo dimostra il pool dei nostri prestigiosi sponsor, imprenditori e amici che vogliono essere al nostro fianco. Ringrazio i tantissimi volontari, le associazioni, tutti i collaboratori e i professionisti che contribuiscono a rendere Unica e Inimitabile la Prosecco Cycling”.

 

L’evento che ha fatto pedalare 45.000 appassionati da oltre 35 Paesi sarà caratterizzato da un unico percorso che si svilupperà per 100 chilometri (con un dislivello di 1.600 metri), attraversando 13 dei 15 Comuni della Docg. Lo start avverrà all’ombra del campanile di Valdobbiadene. Il tracciato si svilupperà con un continuo saliscendi e panorami che vanno dritti al cuore, toccando anche Combai, Follina e Pieve di Soligo. Proseguirà verso Collalto e Crevada, attraverserà il Felettano e passerà per Conegliano, prima di prendere la strada del ritorno verso Valdobbiadene, passando anche per la zona del Cartizze.

 

È un percorso collinare, ma senza particolari asperità, tanto che la Prosecco Cycling è un evento consigliato a tutti gli appassionati: possibile persino la partecipazione con bici a pedalata assistita.                 In merito al format dell’evento sono state fatte delle scelte importanti, spesso contro corrente,                       ma lungimiranti, quest’anno, ad esempio, si potrà scegliere di prendere parte alla Prosecco Cycling senza il chip di cronometraggio, per privilegiare una partecipazione senza alcuna finalità agonistica, ma assaporando piuttosto la festa, l’atmosfera elegante e rilassata che caratterizza l’evento.

 

Confermati anche gli speciali format di classifica, con un occhio di riguardo per le squadre più che per i singoli. C’è persino il premio Maglia Nera per i team più lenti quanto a media di percorrenza di tre salite cronometrate (Il Muro Ca’ del Poggio, Via dei Colli e Collalto).

 

Sarà una giornata in bicicletta anche per imprenditori e manager, per personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo e ospiti internazionali che tradizionalmente, la prima domenica di ottobre, si danno appuntamento alla Prosecco Cycling per pedalare, insieme a migliaia di appassionati, nel cuore delle colline Patrimonio dell’umanità.

 

Nelle foto in allegato: un suggestivo passaggio della Prosecco Cycling tra i vigneti del Cartizze e alcuni momenti della presenza della delegazione veneta al TD Five Boro Bike Tour di New York.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *