PR & Influencer

PAGNANO, ECCO LA NUOVA SCUOLA DELL’INFANZIA

Importante novità nel campo dell’edilizia scolastica nel Comune di Asolo.

La Giunta comunale ha approvato il progetto preliminare e studio di fattibilità per la costruzione della nuova Scuola Materna di Pagnano d’Asolo. Con il documento approvato il Comune di Asolo parteciperà all’avviso pubblico emesso dal Ministero dell’Interno e dal Ministero dell’Istruzione per il finanziamento di interventi relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione e costruzione di edifici di proprietà comunale destinati agli Asili Nido e alle Scuole dell’Infanzia.

Il fabbricato è sito a Pagnano ed è l’attuale sede della Scuola dell’Infanzia “Bernardi Torretto”. Il progetto preliminare e studio di fattibilità – redatto dall’arch. Tommaso Gasparini dello Studio MTMA Architetti di Castelfranco Veneto – è stato donato all’Amministrazione comunale dalla Scuola dell’Infanzia stessa.

L’edificio in questione è di proprietà del Comune di Asolo che ne affida la gestione all’Associazione Scuola Materna “Bernardi Torretto”. Nel giugno 2017, su incarico dell’Amministrazione comunale, sono stati eseguiti degli studi di valutazione del livello di sicurezza e una stima della vulnerabilità sismica della struttura. Da tali valutazioni è emerso che l’attuale sede scolastica, la cui costruzione risale al 1938, non è adattabile ed adeguabile alle normative vigenti, in particolare per la parte strutturale.

Pertanto, attraverso questo progetto, il fabbricato esistente sarà demolito e verrà costruito, sullo stesso sedime, un nuovo edificio scolastico.

Il quadro economico complessivo di spesa è di 1 milione 235mila euro.

La nuova sede della Scuola dell’Infanzia è stata concepita a un piano unico, in totale assenza di barriere architettoniche, per una fruibilità ottimale da parte di qualsiasi tipo di utenza. Avrà dimensioni contenute, forme semplici e realizzabili con tecnologie standard e potenzialmente prefabbricabili anche con strutture in legno. Sarà priva di interrato e prevede la continuità tra spazi interni ed esterni per evidenziare il contesto verde esistente e agevolare una didattica che valorizzi l’armonia con la natura e il rispetto dell’ambiente.

La nuova struttura garantirà sicurezza antisismica, risparmio energetico con l’utilizzo di fonti alternative, comfort, salubrità, luminosità, semplicità di utilizzo e di gestione.

Nel concreto, l’edificio sarà composto da una zona di ingresso e di accoglienza, 3 aule e relativi servizi igienici, mensa, cucina e vani accessori, una sala polivalente, un dormitorio, ufficio servizi per gli insegnati, un vano tecnico e spazi accessori per la centrale termica e tecnologica, una piccola lavanderia, un magazzino, un portico di servizio e l’area deposito per i rifiuti. L’architettura della futura sede scolastica è caratterizzata dai portici.

Ogni parte è corredata di un corrispettivo spazio porticato esterno che media tra l’ambiente chiuso e gli ambienti aperti e consente una fruizione del giardino per attività ludiche e didattiche in rapporto diretto con l’ambiente circostante. Il giardino esterno viene pertanto immaginato come una propagazione a cielo aperto della scuola.

Con l’approvazione del progetto preliminare e studio di fattibilità parte quindi ufficialmente l’iter di realizzazione della nuova Scuola Materna.

“Nel frattempo – spiega il Sindaco Mauro Migliorini – abbiamo anche approfondito la possibilità di ottenere un contributo dal Conto Termico dedicato agli enti locali che eseguono interventi di efficientamento energetico su immobili pubblici, inclusa la demolizione e ricostruzione come nel caso della Scuola dell’Infanzia di Pagnano d’Asolo. Contributo che è cumulabile con altre forme di co-finanziamento e che è pari a 258.750 euro. Con la partecipazione al bando ministeriale andremo a chiedere il 48% dell’investimento totale, per cui la quota rimanente a carico del Comune sarà di 400mila euro.” “Il bando nazionale – conclude il Sindaco – stanzia diversi milioni di euro per queste tipologie di interventi dal 2021 al 2023 e noi miriamo ad entrare per l’annualità 2023. Anche questo progetto si sposa con la filosofia “green” che questa Amministrazione sta portando avanti con lungimirante convinzione. Perché la scuola di domani si costruisce oggi.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *