PR & Influencer

La biker Kate Courtney, campionessa della Coppa del Mondo MTB e tutto il team SCOTT-SRAM entrano a far parte del Team MIPS!

MIPS, azienda leader mondiale nella tecnologia di protezione per caschi, annuncia oggi l’inizio della partnership con l’americana Kate Courtney – vincitrice del Campionato mondiale MTB XC 2018 e della Coppa del Mondo 2019, e già munita di “passaporto” per la squadra olimpica degli Stati Uniti che andrà ai giochi olimpici di Tokyo 2021 – e con tutto il  suo Team SCOTT-SRAM MTB nel quale corrono niente di meno che Nino Schurter, otto volte campione del mondo e vincitore della medaglia d’oro alle Olimpiadi del 2016, Lars Forster e Andri Frischknecht.

Kate Courtney e l’intero racing team SCOTT-SRAM MTB, quindi, fanno ora parte del Team MIPS nato pochi mesi fa con l’obiettivo di dimostrare agli appassionati di sport, il valore aggiunto di utilizzare i caschi equipaggiati con il sistema MIPS.

 

Courtney è tra gli atleti più sinceri e diretti e quando si tratta di aumentare la conoscenza e la consapevolezza nei confronti delle possibili lesioni cerebrali, non si tira di sicuro indietro. La sua decisione di entrare a far parte del Team MIPS, infatti, riflette la sua passione nell’educare le persone sui pericoli delle lesioni cerebrali, su come si verificano e su come il ciclista può evitarle.

 

“La lesione cerebrale è un argomento che a me sta molto a cuore”, dice Courtney“Ho già avuto commozioni cerebrali in passato e conosco molti amici che nel mio stesso sport hanno avuto la stessa esperienza. Il problema è che molte persone non sono consapevoli di come accadano questi incidenti, per non parlare di quanto possano essere comuni. C’è una grave mancanza di educazione per quanto riguarda le lesioni alla testa, non solo nel ciclismo ma in ogni sport che richiede una protezione della testa. Unendo le forze con il Team MIPS, spero di aiutare a colmare quel divario educativo e allo stesso tempo di poter ispirare più persone condividendo la mia passione per la corsa.”

 

“Sono così entusiasta di iniziare la collaborazione con Kate Courtney e l’intero team SCOTT-SRAM! Proprio come Henrik Harlaut e Brandon Semenuk, Kate e l’intero team SCOTT-SRAM sono esponenti di punta del loro sport e rappresentano dei modelli perfetti per il Team MIPS”, afferma Fredrik Kjellberg, Chief Marketing Officer di MIPS. “Il Team MIPS è solo uno dei tanti modi con cui speriamo di aumentare la consapevolezza nei confronti delle lesioni cerebrali. È così stimolante vedere crescere la squadra nell’ultimo anno: siamo onorati di lavorare con tutti quegli atleti che credono nella nostra missione di educazione, incoraggiando le persone ad acquistare caschi più sicuri. “

 

“Siamo molto orgogliosi di entrare a far parte del Team MIPS. Insieme possiamo creare più consapevolezza sull’importanza di indossare un casco con i più alti standard di protezione della testa. Siamo sicuri di star facendo qualcosa di concreto e di positivo per tutto il mondo del ciclismo.” Ha affermato Thomas Frischknecht, Direttore del team SCOTT-SRAM.

ABOUT TEAM MIPS

Kate Courtney e il team SCOTT-SRAM rappresentano il terzo tassello del Team MIPS. Henrik Harlaut, freeskier svedese e sciatore più medagliato nella storia degli X-Games, è stato il primo del Team nato a a settembre 2020; Brandon Semenuk, il campione canadese di mountain bike, si è unito a dicembre 2020.

 

MIPS è protagonista indiscusso nella protezione e la sicurezza dei caschi, supportando atleti da tutto il mondo e abbracciando una vasta gamma di sport tra cui ciclismo, sci, moto / motocross e altro ancora. La missione principale del Team MIPS è quella di aumentare la consapevolezza della protezione della testa ed educare le persone verso l’utilizzo di caschi più sicuri. I suoi atleti, attingendo dalle proprie esperienze, incoraggiano tutte le persone a prendere la decisione giusta nel momento dell’acquisto di un casco, indipendentemente dall’età, dal livello di abilità o dallo sport preferito. Molti degli atleti che partecipano hanno subito un trauma cranico in prima persona o hanno lavorato a stretto contatto con coloro che hanno avuto questa esperienza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *