PR & Influencer

Il viaggio di Manuel in carrozzina da Venezia a Roma

Mi chiamo Manuel Giuge, ho 32 anni e all’età di 9 anni mi fu diagnosticata una malattia genetica rara, la Distrofia muscolare dei cingoli, malattia che colpisce in particolare i muscoli di gambe e braccia, indebolendoli fino a renderli inutilizzabili.

Sono anni che non riesco più a fare un solo scalino e che ho sempre più difficoltà a camminare, ormai sono quasi due anni che uso la carrozzina manuale, ma questo non mi ha impedito o limitato, anzi in un certo senso ho cominciato a “vivere” grazie a queste difficoltà.

Ho realizzato molte “piccole grandi imprese”, ho percorso l’antica rotta del sale da Pirano (Slovenia) a Venezia, tre anni fa ho intrapreso un viaggio in solitaria in macchina da Venezia a Capo Nord, due anni fa ho “affrontato” un viaggio sempre in solitaria in macchina attraverso tutte le regioni d’Italia parlando di sport e disabilità in ospedali e associazioni sportive, quest’anno il nuovo obbiettivo è raggiungere Roma in carrozzina con il Klaxon Klick (ruota elettrica).

L’obbiettivo è raccogliere fondi per l’acquisto di attrezzature sportive per disabili da donare alle varie associazioni sportive che se ne occupano.

Con me porterò la Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità, documento importantissimo che molti però non conoscono, lo porterò con me e lo consegnerò alle persone che incontrerò per strada.

Partirò il 14 luglio alle ore 11:00 circa dalla piazza di Martellago (VE) alla presenza del Sindaco Andrea Saccarola e altre autorità, mentre venerdì 5 mi incontrerò con il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro.

Durante il viaggio avrò un’auto di supporto che nel caso di necessità come cambi di batteria, forature ecc… potrà intervenire e avrò l’assistenza tecnica e medica da parte di ACI per tutto il tragitto.

Il tragitto è ancora in fase di elaborazione, questo perchè cercherò di percorrerlo nella più completa sicurezza possibile, sfruttando soprattutto piste ciclabili, marciapiedi e stradine molto poco praticate.

L’obbiettivo è raggiungere Piazza San Pietro (Roma) in circa 7/10 giorni, percorrendo la Riviera Adriatica fino ad Ancona per poi puntare verso Roma attraversando gli Appennini, il tratto più difficile del viaggio.

Sarà tutto documentato sulla mia pagina Facebook “Manuel La soluzione c’è” dove è anche possibile fare una donazione.

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *