PR & Influencer

IL VENETO PORTA LE VIE DEI PASCOLI TRA I TRACCIATI DELLA TRANSUMANZA IN ITALIA Bortolas (Donne Impresa): legge regionale d’impatto nazionale

C’e’ anche il Veneto nel patto delle regioni d’Italia che promuovono i tracciati di millenni di civiltà transumanti. Con gli storici tratturi ci saranno dunque ‘le vie dei pascoli’ previste dalla legge regionale approvata all’ unanimita’ a conclusione della scorsa legislatura. La notizia della firma di Roberto Ciambetti Presidente.del Consiglio regiinale e’ accolta dalle imprenditrici di Coldiretti come un segnale di avvio operativo della norma in vigore ma orfana di assessorato e ancora senza circolari applicative. L’accordo firmato da  Abruzzo, Basilicata, Campania, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, l’Agenzia per lo Sviluppo Rurale Moli. Gal Scrl e i Centri Rurali di Assistenza Multiservizi pone l’accento su una strategia promozionale che va oltre i confini veneti – spiega la vice presidente nazionale di Donne Impresa – le allenatrici italiane sono le protagoniste di un rinnovato interesse verso la pastorizia: secondo un’analisi Coldiretti sono circa 5mila gli allevamenti di pecore condotte da donne in Italia.
L’iniziativa ha  l’obiettivo di valorizzare, mettere in rete, tutelare e ‘offrire’ al mondo la valenza dei sentiei della transumanza. Coinvolti anche i Comuni (tra cui Amatrice) che fanno parte del partenariato insieme con aziende e associazioni. Tra questi anche le amministrazioni della provincia di Vicenza come Bressanvido che sta istituendo il tragitto legato alla discesa dei bovini della Famiglia Pagiusco da Asiago.
Insieme, hanno già partecipato al progetto e segnalato le parti del territorio che verranno coinvolte.
Seguirà un tavolo tecnico e programmatico. Mappatura dei percorsi ma non solo: si punta alla valorizzazione della rete che fino a pochi anni fa era l’asse portante dell’economia peninsulare e che ora può tornare ad avere un ruolo centrale anche attraverso declinazioni innovative come la georeferenziazione e la cartografia in rete, per creare un’attrattiva turistica nazionale e internazionale.​

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *