PR & Influencer

GiaveraFestival e la transumanza di Khaled

Dopo il lancio della manifestazione a Marghera, domenica 14 aprile, e la partecipazione a Sulle vie dell’acqua a Cison di Valmarino il 25 aprile, il GiaveraFestival prosegue domenica prossima, 5 maggio con “La transumanza di Khaled”. Khaled Tanji, giovane 24enne nato a Venezia da genitori marocchini e cresciuto a Volpago del Montello, da alcuni anni è diventato pastore per scelta e per passione: insieme a suo padre ha aperto un’azienda agricola e ora accompagna un gregge di 400 pecore nella transumanza estiva fino ai monti del Trentino e d’inverno tra il Montello e il Piave.  Il ritrovo è previsto  alle 11 presso la chiesa di Santa Maria della Vittoria, sul Montello, per seguire la Transumanza Migrante fino alle grave del Piave, dove alle 13 ci sarà un picnic con i prodotti della terra e del gregge. Il pomeriggio proseguirà con giochi per i più piccoli e momenti di danza, musica, e ascolto della sorprendente esperienza di pastori migranti. Il cammino sarà accompagnato da musiche e danze dal gruppo folkloristico “I Mercanti Dogali” e dalle armonie dei “Minimal Klezmer” e dell’organetto di Barberia di Eros Viel; non potevano mancare gli zampognari, con il “Duo zampognari Zampivella”.

Sarà presente l’attore Vasco Mirandola, e un’ospite speciale: Aghitu Gudeta, etiope, anche lei pastora per scelta sui monti del Trentino, che racconterà del suo progetto “La capra felice” e del suo impegno per il biologico, in una terra non sempre facile all’accoglienza, di migranti e di pastori.

Una giornata di terra scommessa”, secondo lo slogan del Gfestival 2019, a contatto con chi ha puntato la sua vita e il suo cammino a contatto diretto con la terra e gli animali che la abitano.

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *