PR & Influencer

CORTINA SI COLORA D’AUTUNNO

Scoprire Cortina, quando l’autunno ne dipinge i tratti a tinte infuocate: un’esperienza che coinvolge i sensi e tocca le corde più intime del ricordo. Per tutti l’opportunità di avvicinarsi alle tradizioni locali, di vivere una natura accogliente e variopinta e di prendere contatto con sé e con ciò che veramente conta, dopo il carico di energia dei mesi estivi

I colori d’autunno iniziano ad accendersi a Cortina e la Regina delle Dolomiti assapora i tempi lenti della stagione del raccolto e si ferma ad ascoltare i rumori antichi dei pascoli, lasciati a passo cadenzato dagli armenti e dai pastori, accompagnati dal suono ritmico dei campanacci e dall’eco delle campane portata dall’aria cristallina e tersa.

Le foglie di faggio trascolorano in un giallo lucente e i colori mattone e arancio dei larici punteggiano via via il verde scuro dei boschi: la meraviglia variopinta del Parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo invita a rallentare il passo, a lasciarsi avvolgere dalla luce dorata che filtra dai rami e vederne i riflessi a pelo d’acqua, sulla superficie calma di alcuni laghi in quota.

Muoversi in mountain bike ed e-bike regala la percezione limpida del rumore di roccia sotto le ruote e il profumo d’erba schiacciata e fieno attraverso l’aria frizzante, che pizzica gli occhi.

Arrampicare o cimentarsi in alcune vie ferrate permette di apprezzare dall’alto la natura che muta di “animo” e di aspetto.

E per chi non sa rinunciare ai motori, la Strada delle Dolomiti offre l’opportunità di un viaggio memorabile attraverso luoghi incantati e pregni di storia. In aggiunta alla soddisfazione di affrontare in auto e moto – senza fretta – i passi dolomitici, alcune soste consentono di godere davvero a pieno di tanta bellezza, di gustare qualche ricetta tipica o acquistare alcuni prodotti locali, magari in occasione della Fešta del Dešmonteà che la mattina di sabato 14 ottobre, presso il piazzale della stazione a Cortina, celebrerà il rientro dall’alpeggio di mucche, cavalli, capre e asini: veri protagonisti di un momento di ritrovo per la felicità dei bambini e non solo. La Fešta prevede, infatti, anche un piccolo mercato agricolo e artigianale e un punto di ristoro per un pranzo all’insegna della tradizione.

Inoltre, tra gli appuntamenti tradizionali, la processione del 5 ottobre alla Chiesa di San Nicolò a Ospitale con messa di ringraziamento per il buon esito del raccolto e del pascolo.

Lo stesso giorno inizieranno alcuni corsi di hatha yoga per principianti: un altro modo per riprendere contatto con sé, in un luogo dove ancora esiste il ciclico avvicendarsi delle stagioni (Centro Jothyoga Cortina d’Ampezzo: +39 320 5748606).

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *