PR & Influencer

CORONAVIRUS. SCHENK ITALIAN WINERIES DONA 45 MILA EURO PER L’EMERGENZA SANITARIA DI TRENTO, BOLZANO E TREVISO

“L’amico si riconosce nel momento del bisogno ed è con questo spirito di sostegno e vicinanza a chi lotta ogni giorno negli ospedali per combattere l’epidemia Covid-19, che Schenk italian Wineries ha deciso di devolvere 45 mila euro per l’acquisto di materiale sanitario a supporto dello straordinario lavoro che stanno facendo medici, infermieri e tutti gli operatori degli ospedali di Trento, Bolzano e Treviso. Non vogliamo far mancare il nostro aiuto al territorio in cui viviamo e lavoriamo e vogliamo dare il nostro contributo alla lotta per fermare questa epidemia. Insieme si può”.

Con queste parole Daniele Simoni, amministratore delegato di Schenk Italian Wineries, comunica la decisione dell’azienda di aderire all’iniziativa #sosteniamounospedale attraverso la donazione di 45 mila euro a supporto dell’acquisto di dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari, nonché attrezzature medicali per potenziare le terapie intensive degli ospedali di Trento, Bolzano e Treviso, a cui andranno 15 mila ciascuno.

 

Una donazione che si rivolge nello specifico ai territori del Trentino Alto Adige, dove Schenk Italia Wineries ha la propria sede, e del Veneto dove a Vidor il gruppo è presente con l’azienda Bacio della Luna.

Come operatori del settore vitivinicolo conosciamo bene lo sforzo che serve oggi per mantenere attiva la produzione e assicurare al contempo la massima tutela ai nostri lavoratori – conclude SimoniPer questo non vogliamo far mancare il nostro aiuto a chi necessita velocemente di apparecchiature e strumenti per svolgere al meglio il proprio ruolo di custode della salute pubblica”.

Avatar
Amo l'Arte in tutte le sue declinazioni e follie. Cuore bassanese e castellana d'adozione, rincorro mostre, musei e gallerie sparsi nel mondo che poi recensisco su Storie di Eccellenza. Come artista visiva mi firmo Ketra da quando ho preso in mano la china per poi traghettarmi verso altri media più sperimentali. Agatha Christie, Bauhaus e Siouxsie&The Banshees i miei compagni di viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *