PR & Influencer

ASOLO RICORDA L’URBANISTA EDOARDO SALZANO

Scomparso a Venezia nella notte tra domenica e lunedì scorsi, l’urbanista napoletano Edoardo Salzano ha offerto anche al Comune di Asolo, Treviso, un importante contributo.

Il sindaco Mauro Miliorini ricorda il suo impegno per il borgo annoverato tra i più belli d’Italia.

 Appassionato urbanista tra i più celebri d’Italia (già presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica) e convinto difensore dell’interesse comune, scomparso a Venezia nella notte tra domenica e lunedì a quasi novant’anni, Edoardo Salzano è una figura che anche ad Asolo, Treviso, è ricordata con stima e riconoscenza per il contributo che ha saputo dare nella “città dai cento orizzonti”.

Nel dicembre 2007 – ricorda il sindaco di Asolo Mauro Migliorinicurò e presentò la “Ricerca sul recupero della vivibilità del centro storico di Asolo”, avanzando numerose ipotesi sul futuro del borgo. La tematica venne poi ripresa nel maggio 2008, quando si tenne un convegno nazionale al Teatro Duse con l’intervento di diversi urbanisti, architetti ed esperti. Nel 2013, infine, fu in prima linea insieme all’archeologo e storico dell’arte Salvatore Settis contro l’approvazione del Pat – Piano di assetto del territorio del Comune di Asolo, che ambiva a ridisegnare urbanistica e vita della città con la minaccia della cementificazione. Il lavoro svolto da Salzano è stato utilizzato dal Comune di Asolo per la redazione dell’attuale Pat e ad esso si ricorrerà anche per i prossimi Pi – Piani degli interventi”.

 

Avatar
La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *