PR & Influencer

Sicurezza informatica, nuove sfide per il mondo dell’intrattenimento

Alla fine è tutta una questione di sicurezza. I recenti fatti di cronaca, non ultimo quello clamoroso del furto dei dati dai social network come Facebook, ha spinto tutti i settori produttivi ad interrogarsi per reinverare anche la sicurezza sui canali informatici.

Tra i mondi più esposti, ovviamente, non fanno eccezione quelli legati all’intrattenimento-divertimento, dove il gioco d’azzardo online ha un ruolo sempre più centrale, a maggior ragione dopo l’anno di pandemia ancora in corso. Marco Ramilli, fondatore e numero uno di Yoroi Security ne ha parlato ampiamente, sottolineando altresì l’importanza dell’uso delle moderne tecnologie digitali nel mondo del gioco (leggi qui l’intervista).

Da quando la dimensione online ha preso piede, non esistono più solo i luoghi di gioco fisico. Anzi, l’online spopola ovunque: lo sa bene l’Italia, dove i migliori casinò online sicuri sono ormai una piacevole compagnia per tutti i giocatori. Che spesso finiscono per diventare, inconsapevolmente, vittime.

Ma di cosa? La sicurezza è importante proprio a tutela di tanti che giocano. E non è ormai più un segreto che il mondo del gambling si basi su tecnologie avanzate a regolare le sessioni di gioco e a tutelare i cosiddetti dati sensibili.

Fatto sta che le piattaforme di gioco hanno necessità di un sistema di sicurezza adeguato per evitare furti e frodi, ma anche a tutela di ogni possibile vulnerabilità. Per questo tali sistemi vengono monitorati di volta in volta con appositi servizi di penetration testin e audit, per ridurre drasticamente ogni possibile furto o truffa informatica. Il Covid-19 ha solo aumentato la pur grande attenzione su questi aspetti.

Difatti dagli uffici si è passati alle case, e dunque reti domestiche apparentemente sguarnite, esposte a qualsivoglia tipo di pericolo e soprattutto di fronte a nuovi, impensabili scenari di attacco. Questa situazione ha difatti aumentato esponenzialmente la possibilità di furti informatici: per un hacker è molto più semplice attaccare, per un utente è quasi sempre impossibile difendersi.

Ragion per cui le nuove sfide in digital defense sono sempre più complesse: le nuove tecnologie arrivano in soccorso, fino ad educare gli utenti stretti in un mix che vede coinvolte la psiche e la tecnologia. Non esiste la sicurezza al 100% ma tutti i passi fatti in avanti, tra leggi, certificazioni e raccomandazioni, vanno ad incidere sulla diminuzione di quello che potrebbe rivelarsi un vero e proprio disagio sociale.

Per questo ovunque, anche in Italia, gli operatori stanno cercando di vincere le nuove sfide per la sicurezza digitale. Ne è un esempio il casinò online LeoVegas, che oltre ad essere uno dei parco giochi più efficienti e coinvolgenti sul mercato, offre un ampio bagaglio di garanzie di sicurezza (clicca qui per maggiori informazioni).

Anzitutto tramite un portale specifico, LeoSafePay, e poi con una serie di strumenti quali l’autovalutazione, nonché tutti i vari limiti: di gioco, di sessione, di account. Il portale offre una garanzia assoluta dal dominio registrato in Italia, dall’assistenza clienti sempre a disposizione e dal protocollo del Gioco Responsabile. Infine propone, per evitare ogni dubbio, una “scheda del giocatore”, in cui ci si può rendere conto se il gioco stia sfuggendo troppo di mano.

1 Comment

  1. Avatar
    22 Aprile 2021 - 10:32

    Articolo decisamente interessante!
    Oggi, in materia di sicurezza informatica, la prudenza non è mai troppa! E a pensare che ancora tante aziende non si affidano a dei professionisti che possano occuparsi della gestione dei dati…
    La digitalizzazione è un bene ma ha portato anche tanti rischi.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *