A Suoni di Marca “Ostensione della Sindrome” di Willie Peyote Giovedì 2 agosto

 

A Suoni di Marca, giovedì 2 agosto, arrivano l’energia dell’hip hop e la sagacia della canzone d’autore. Sul palco principale del Festival a ingresso gratuito più lungo in Italia, ci sarà, infatti, Willie Peyote.

Dopo il successo del tour indoor dedicato al suo ultimo disco “Sindrome di Tôret”, che ha collezionato ben 26 sold out in 45 concerti, il rapper torinese porta sulle mura di Treviso il suo tour estivo, “Ostensione della Sindrome”, con il quale sta conquistando un pubblico eterogeneo e trasversale per età e stile. Lo fa grazie a live intensi e coinvolgenti, alle sue liriche ironiche e taglienti che offrono un disincantato scorcio del mondo contemporaneo, con una ritmata serie di istantanee della società di oggi, delle sue tendenze e delle sue manie.

 

Sindrome di Tôret, è un disco che affronta il tema della libertà d’espressione e dei limiti della stessa spesso legati alla tecnologia. Con riferimenti, più o meno velati, alla musica italiana degli ultimi quarant’anni –  da Giorgio Gaber a Lucio Battisti fino a Bruno Martino – prende spunto dalla narrazione tipica della satira.

Così come nei precedenti tre dischi, il valore dei testi di Willie Peyote (al secolo Guglielmo Bruno) è riconducibile a quello di un cantautore, tanto da fargli conquistare anche le platee più esigenti, come dimostra la vittoria del Concorso “Genova per Voi”, riservato ai cantautori.

 

Ad aprire la serata sul main stage di Suoni di Marca sarà Mirkoeilcane, nome d’arte di Mirco Mancini, impostosi all’attenzione del grande pubblico con quella “Stiamo tutti bene” che al 68° Festival di Sanremo ha conquistato ben quattro premi nella categoria Nuove Proposte, in cui si è aggiudicata il secondo posto (premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo, premio della Critica “Mia Martini”, premio “Enzo Iannacci” dedicato alla migliore interpretazione e La Targa Pmi – Produttori Musicali Indipendenti). Ma la storia musicale del musicista romano è già molto lunga, cominciata con il lavoro in studio e dal vivo con diversi artisti, con la composizione di numerose colonne sonore e con la scrittura di testi e musica per altri artisti. Anche nelle sue canzoni, in primo piano tematiche sociali, assieme a quelle sui rapporti affettivi.

 

Willie Peyote si aggiunge ai già annunciati Almamegretta (21 luglio) Sananda Maitreya (Terence Trent D’Arby) e Diodato (19 luglio), Calibro 35 (22 luglio), Marina Rei, Paolo Benvegnù e Sergio Caputo (29 luglio) e Nina Zilli (31 luglio), andando a comporre un programma variegato, ricco di esperienze musicali differenti. Ma Suoni di Marca non è solo musica, è anche Percorso del Gusto, Mostra Mercato, ed è un festival musicale ecosostenibile a ingresso completamente gratuito, dal 19 luglio al 5 agosto.

 

Per maggiori informazioni, visita il sito www.suonidimarca.it e i social del festival (Facebook, Instagram, Twitter).

La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *