Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG è controllato e garantito

Alla luce di quanto emerso dai media di oggi, sabato 29 settembre 2018, il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG ritiene opportuno sottolineare alcuni aspetti:

–          è evidente che sul territorio di produzione del Conegliano Valdobbiadene esiste un sistema efficiente di controlli sul prodotto che garantisce un’attenta tutela verso i consumatori. NAS, USSL, ARPAV, ICQRF – Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e della Repressione Frodi, Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari e Valoritalia sono alcuni degli organi di controllo che operano con efficacia ed efficienza e che si ringraziano per questo;

–          su 181 case spumantistiche e 433 vinificatori che operano sul territorio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco, sono solo due le aziende in cui è stata riscontrata un’anomalia da parte degli organi di controllo competenti; ciò significa che in generale esiste un sistema di produzione serio, attento e qualificato;

–          è doveroso sottolineare che la presenza dello zucchero è una pratica autorizzata dalla legge nella fase della spumantizzazione e soprattutto non è dannosa per la salute del consumatore; lo stesso equivale per l’acido tartarico, anch’esso autorizzato in quanto acido naturale che si trova normalmente nell’uva; per quanto riguarda l’acido solforico è un prodotto che viene utilizzato per la sanificazione dei serbatoi e delle vasche.

Pertanto, a fronte di quanto pubblicato oggi sugli organi d’informazione, è doveroso attendere lo sviluppo delle indagini al fine di conoscerne esattamente l’esito. Sulla base di questo, il Consorzio prenderà i necessari provvedimenti in difesa della reputazione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG.

In conclusione, anche questa è un’occasione per ricordare con soddisfazione l’eccellente lavoro di qualità che da cinquanta anni svolgono i nostri consorziati, che hanno saputo affermare nel mondo un grande prodotto: il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG.

La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *