Digitale a braccetto con il sociale nell’accoglienza diffusa dei profughi. Il caso positivo e digital della piattaforma di gestione dei dati tra le cooperative e le Prefetture in materia di migranti

Un convegno di confronto tra operatori sociali, mondo prefettizio e ulss sulla gestione digitale e sociale dei migranti, all’interno della grande cornice del “Festival DIGITALmeet 2018 – La vera sfida dell’umanesimo digitale”.

GEA Cooperativa Sociale, una delle 13 cooperative del Consorzio Veneto Insieme che si occupa di accoglienza diffusa dei profughi, in collaborazione con la Prefettura di Padova e Fondazione Comunica, vi invita all’incontro “Digitale & Sociale” che avrà luogo giovedì 18 ottobre alle ore 12.00 presso la Sala Conferenze della Provincia di Padova in piazza Bardella.

Il convegno è uno degli appuntamenti del “Festival DIGITALmeet 2018 – La vera sfida dell’umanesimo digitale”.

Focus del convegno l’importanza dell’informazione digitale e il valore che porta al sociale e il concetto di come le nuove tecnologie possano assistere e favorire anche l’integrazione di profughi e migranti accolti in Italia. Losviluppo digitale può infatti essere utile ad affrontare fragilità e disagi, a immaginare processi organizzativi, a gestire progetti e servizi sociali per le comunità.

Al centro però prima di tutto la persona, l’immigrato, oggetto della collaborazione tra Prefetture e Cooperazione Sociale. Non a caso il convegno si inserisce nel progetto più ampio FAMI “Persone, non numeri” co-finanziato dall’Unione Europea e dal Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi e vede il patrocinio delle Prefetture di Padova e Vicenza.

In questa occasione verrà in particolare presentata una web application utilizzata dalla cooperative del consorzio, e a cui possono accedere anche le Prefetture di Padova e Vicenza, che comunica in tempo reale dati e numeri dell’accoglienza diffusa, che traccia, conserva e comunica. Una sorta di scambio di informazioni per governare al meglio i processi, in una stretta e proficua collaborazione tra privato sociale e istituzioni.

L’incontro sarà aperto da Gianni Potti, Presidente Fondazione Comunica, e da Gabriele Ruffatti, già direttore dei centri di competenza Big Data & Analytics e Open Source in Engineering Group che farà una cornice tecnica della questione.

Relatori dell’incontro saranno poi Renato Franceschelli, Prefetto di Padova, Giuseppe Felchilcher, Presidente di ISB – Immobiliare Sociale Bresciana, Luca Bassanello, Amministratore delegato di SinfoniaLab in rappresentanza del CVI – Consorzio Veneto Insieme, Umberto Guidato, Prefetto di Vicenza e Giovanni Pavesi, Direzione Ulss 8 Berica (in attesa di conferma).

L’incontro avverrà in simultanea e in video conferenza con Perugia nella sede dell’azienda ospedaliera locale. Da Perugia interverranno Emilio Duca, Direttore Generale Azienda Ospedaliera di Perugia, e Matteo Brutti, Presidente Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Umbria.

A moderare l’incontro Micaela Faggiani, giornalista e corrispondente veneta per LA7 e ufficio stampa del Consorzio Veneto Insieme.

Alla conferenza saranno presenti anche dirigenti di Aziende Sanitarie e Prefetture assieme a responsabili della Cooperazione e del Terzo Settore, i quali offriranno le loro differenti esperienze e competenze in materia.

L’obiettivo di questa iniziativa – spiega Claudio Piron della cooperativa Gea – è quello di affrontare la più moderna sfida dell’alfabetizzazione digitale, una realtà che abbraccia ogni sfera delle nostre vite e una conoscenza imprescindibile per affrontare al meglio i mutamenti culturali, organizzativi, sociali, creativi e manageriali che stanno già accadendo nelle nostre vite di tutti i giorni.

Vogliamo inoltre poter avviare un dialogo con altre iniziative ed esperienze che altri soggetti operanti nel sociale e sanitario stanno realizzando. In particolare vogliamo confrontarci sulla comune esperienza nell’uso di piattaforme software per lo scambio e la elaborazione dei dati, a partire proprio dalla cooperazione sociale e dal caso dell’accoglienza dei migranti. “

Al termine della seduta ci sarà un Buffet di saluto offerto dalla Birra Antoniana.

 

GEA è una Cooperativa Sociale senza fine di lucro fondata a Padova nel 2004. Il suo obbiettivo è la promozione e la realizzazione dei processi di integrazione e di cittadinanza attiva delle persone, delle famiglie e delle comunità di migranti. Nel corso degli anni si è distinta per i loro numerosi progetti riguardanti l’ambito socio-sanitario, educativo-formativo e nell’area del diritto grazie al prezioso aiuto di professionisti in molteplici discipline e campi del sapere.

 

La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *