36° Asolo Art Film Festival

Grandi ospiti internazionali, più di 60 film in concorso scelti tra oltre 300 in rappresentanza delle più originali ricerche sui rapporti tra cinema e arte a livello internazionale, anteprime mondiali, rassegne speciali ed eventi esclusivi: sono gli ingredienti, con cui si presenta la nuova edizione del Festival Internazionale del Film sull’Arte di Asolo.
Si comincia mercoledì con il vernissage e la cerimonia di consegna del prestigioso Premio Eleonora Duse a Piera degli Esposti, una vera attrice totale, che spazia dal teatro al cinema alla televisione, anche come sceneggiatrice e autrice di opere liriche. A seguire, un’anteprima delle sezioni in concorso: Film sull’Arte, affidata alla direzione del regista d’essay Riccardo De Cal; Nuove Visioni, diretta dalla ricercatrice pisana Elena Marcheschi; Scuole&Atelier, per la direzione del professor Denis Brotto dell’Università di Padova; e infine Selezione Comitato AAFF giovani con la coordinazione del regista Kassim Saleh. Quindi uno speciale “Caravaggio. L’anima e il sangue”, il film record d’incassi di Sky.

 Ancora televisione nella tavola rotonda di giovedì 07 giugno dedicata al documentario d’arte, coordinata da Denis Brotto con la partecipazione di Sky Arte, RAI Cultura e la costituenda Veneto Film Commission. Poi un esclusivo “A tu per tu con Terlizzi”, con il pluripremiato regista a svelare i segreti del suo originale linguaggio cinematografico. La sera, ad un mese di distanza dalla scomparsa, un Omaggio al grande maestro Ermanno Olmi proprio nel Convento, che per alcuni anni ospitò la “sua” Ipotesi Cinema: intervengono i cofondatori Mario Brenta e Luciano Zaccaria.
In Sala della Ragione tutti i giorni uno speciale focus sull’East Europe & Russia: dalle 17.00 il Festival del Cinema russo, con film di grandi registi e giovani promesse, anche in prima italiana; e a seguire la ricchissima selezione “The In-Between State of Mind”, curata dalla studiosa taiwanese Yunnia Yang, che offre un’immersione negli sguardi ironici e dissacratori, con cui gli artisti rispondono ai cambiamenti drammatici vissuti dalle popolazioni già sovietiche dopo il collasso del regime comunista.
Venerdì spazio alle donne, con la rassegna “Sguardi al femminile” curata da Maria Scarogni, che vede la partecipazione di alcune tra le più originali videoartiste italiane: Elisabetta Di Sopra, Francesca Fini, Rita Casdia, Eleonora Manca, Debora Vrizzi, Isobel Blank e il duo Leoni&Mastrangelo. Non mancano momenti “piccanti”, come il SEX and the CINE tour, che coinvolge alcuni dei lavori in concorso, la rassegna speciale “Shirley Clarke” con il suo ritratto del cabarettista gay Jason Holliday e, in Teatro Duse, la proiezione speciale di “Helmut Newton: Frames from the Edge”, by Adrian Maben.
Il regista scozzese sarà protagonista anche sabato in compagnia dell’artista fluxus Ben Vautier, con cui proprio nei giorni della rassegna girerà un film su Asolo e il suo festival. Ma sabato sarà anche la giornata di Luciano Tovoli, che alle 17.00 presenta il libro “Suspiria” con i curatori Valentina Valente e Piercesare Stagni, e della musica, con uno speciale “The Best of Music Video”, cui segue un vj set con videoshow by Raffaele Signori e il dj Pluriverso da Londra. Altro appuntamento da non mancare, la proiezione di “The Square”, introdotta da Giulia Lavarone curatrice della rassegna “Panorami” e dalla direttrice dei musei di Bassano Chiara Casarin.
Domenica si chiude in festa: con un brunch artistico e le perfomance dei buskers. Gli spettacoli di Arteinmovimento e il concerto musiche da oscar di Réjouissance, per la direzione di Elisabetta Maschio. Le premiazioni dei vincitori e la cerimonia di conferimento del Premio Duse al direttore della Biennale di Venezia Alberto Barbera. E in esclusiva per Asolo il film musicale “James Brown. Keep on Drivin’”.

La scrittura è una malattia, che cura da vent’anni con tutto il giornalismo possibile: ha lavorato per due quotidiani, una televisione e mezza dozzina di riviste, guidato da direttore responsabile magazine e siti internet. Autore di un libro storico sul secondo dopoguerra e di un romanzo di narrativa, ama firmare reportage di viaggio ed è membro del Gruppo italiano stampa turistica. Si emoziona per un calice di Prosecco o per una alchimia di gusti nel piatto. Runner per passione, ha vissuto più maratone di quanto potesse sognare ma trova quiete solo correndo tra i monti e nelle note della moonlight sonata di Beethoven. Vive con Ketra, tre gatti e un cane zoppo. È il direttore di Storie di Eccellenza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *